Privacy Policy politicamentecorretto.com - Piove e il Poliambulatorio di Martano dell’ASL Lecce si allaga. Lavori eseguiti e allagamenti. La denuncia di operatori e pazienti allo “Sportello dei Diritti”. Dubbi anche sull’agibilità dell’immobile

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Piove e il Poliambulatorio di Martano dell’ASL Lecce si allaga. Lavori eseguiti e allagamenti. La denuncia di operatori e pazienti allo “Sportello dei Diritti”. Dubbi anche sull’agibilità dell’immobile

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

Dopo la notizia dello scorso 14 febbraio del blitz del Nas dei Carabinieri nel poliambulatorio di Martano, destinato fra l’altro dell’installazione di uno dei mammografi acquistati dall’ASL Lecce con i Fondi Fesr 2014-2020 ed il cui utilizzo è stato rallentato da più di un problema burocratico e organizzativo, sono giunte allo “Sportello dei Diritti” le segnalazioni da parte di operatori e pazienti sulle condizioni dell’immobile, nel quale nei giorni scorsi si sono verificati allagamenti e rotture dei pannelli in cartongesso - come documentano inequivocabilmente le foto che pubblichiamo - che avrebbero messo in luce deficit nei lavori appena eseguiti e già sotto la lente d’ingrandimento del Nucleo dei Carabinieri che si occupa di Tutela della Salute. Alcuni addetti, peraltro, avrebbero sollevato più di un dubbio sulla sussistenza dell’agibilità dello stabile, rileva Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, associazione che peraltro nel corso del gennaio scorso ha rilanciato il noto problema dei nove mammografi che non venivano utilizzati nonostante l’esborso di un importo complessivo di 2.702.005, 98 euro. La questione, quindi, è sempre ed ancora la stessa e che riguarda l’utilizzo di ingenti risorse pubbliche a fronte delle necessità impellenti ed indifferibili dell’utenza e dei tanti pazienti i quali alla fine pagano sempre non solo i ritardi, ma anche le modalità di spesa dei fondi pubblici per i quali auspichiamo un solerte e rapido accertamento da parte delle forze di polizia e delle autorità inquirenti.

Lecce, 11 marzo 2018                                                                                                                                                                                            

Giovanni D’AGATA

Invia commento comment Commenti (0 inviato)