Privacy Policy politicamentecorretto.com - Calabria: bilanci aziende sanitarie, esposto di Nesci e Sapia (M5S) su mancata revoca direttori generali

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Calabria: bilanci aziende sanitarie, esposto di Nesci e Sapia (M5S) su mancata revoca direttori generali

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

I deputati M5s Dalila Nesci e Francesco Sapia hanno trasmesso un esposto alla Procura di Catanzaro e alla Corte dei conti sull'omessa revoca dei direttori generali responsabili del mancato raggiungimento dell'equilibrio economico delle aziende del Servizio sanitario regionale. La revoca in questione, hanno precisato i parlamentari 5stelle, è prevista dall'articolo 14, comma 5, della Legge regionale numero 11/2004, ad oggi vigente. «La strada dell'esposto – precisano, in una nota, i due deputati M5s – fa seguito all'indifferenza del governatore Mario Oliverio, che ha ignorato la precedente diffida dello scorso 19 febbraio. Nella medesima venivano evidenziate le criticità di bilancio riguardanti le Aziende sanitarie provinciali di Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria e Vibo Valentia, nonché l'Azienda ospedaliera di Catanzaro e l'Azienda ospedaliero-universitaria del capoluogo calabrese». «Dunque Oliverio – incalzano i parlamentari M5s – si comporta come se la legge regionale richiamata non ci fosse, magari convinto che il proprio codice interpretativo possa superare le norme esistenti. Non ci sono scuse, in proposito, perché la legge in argomento è fin troppo chiara. Ci auguriamo che almeno il direttore generale facente funzioni del dipartimento Tutela della Salute, Bruno Zito, dimessosi ma ancora in ufficio sino alla nomina del sostituto, riesca a scuotere Oliverio spiegandogli che il problema è grave e va affrontato subito». «Prima – concludono Nesci e Sapia – di pensare al rimpasto delle giunta e alla propria campagna elettorale, Oliverio intervenga come la legge gli impone ed eviti comportamenti omissivi insostenibili».

Invia commento comment Commenti (0 inviato)