Privacy Policy politicamentecorretto.com - Lunedì 16 aprile incontro a Ginosa per l'innalzamento delle pensioni

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Lunedì 16 aprile incontro a Ginosa per l'innalzamento delle pensioni

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Taranto - Dall'aumento delle pensioni minime all'abbattimento delle liste d'attesa nella sanità regionale: le battaglie dell'ANP CIA, l'Associazione Nazionale Pensionati di Cia Agricoltori Italiani, saranno al centro dell'incontro in programma lunedì 16 aprile, alle 18, nel Teatro Alcanices di Ginosa (TA); interverranno Franco Tinelli (Presidente ANP CIA Puglia), Michele D'Ambrosio (Presidente provinciale ANP CIA Taranto) e Antonio Barile (Presidente nazionale Patronato Inac).

"Gli anziani una grande risorsa per il Paese" è lo slogan della 7a assemblea elettiva regionale ANP CIA; in tutta la regione, l'associazione che si rivolge ai pensionati di tutte le categorie è impegnata nelle assemblee territoriali e provinciali.

Il tema dell'innalzamento delle pensioni è prioritario: un agricoltore oggi percepisce mediamente cinquecento euro e dopo 40 anni di sacrifici vive con una pensione da fame. I giovani che nei prossimi anni andranno in pensione con il solo sistema contributivo percepiranno somme vergognose, anche sotto i trecento euro. L'aumento delle pensioni avrebbe conseguenze economiche e sociali perché molti agricoltori anziani sono costretti a condurre le proprie aziende anche dopo la pensione e non consentono il ricambio generazionale. 

L'ANP CIA si batte da anni per garantire pensioni dignitose, guardando anche al futuro, a cominciare dall'equiparare progressivamente i minimi pensionistici al 40% del reddito medio nazionale (650 euro), come previsto dalla Carta Sociale Europea.

La mobilitazione proseguirà in tutta la Puglia. 

Franco Gigante

Invia commento comment Commenti (0 inviato)