Il progetto è quello di realizzare un cartone animato stile Flintstone, Simpson, Fantagenitori prendendo spunto da una famiglia vera Come se non bastasse l’abbondanza di reality di tutte le fatte, mancava l’ennesimo tentativo di televisione “spiona” Nickelodeon è un canale televisivo per ragazzi che, da appena un solo anno, trasmette in Italia sul canale 604 di Sky.L’idea però e sorta almeno 25 anni fa in America con una programmazione per bambini dai 3 ai 12 anni distribuita in 64 Paesi e tradotte in 75 lingue.La Nickelodeon italiana, ha bandito un concorso per scegliere la famiglia tipo con la quale organizzare un vero e proprio reality.Dopo una accurata selezione che sceglierà 10 famiglie, poi 3 sino ad arrivare, a fine maggio, aproclamare quella vincitrice. Dopodiché, ad aprile, quella casa sarà invasa da una troupe televisiva composta da una decina di persone che riprenderanno la vita quotidiana della famiglia. Lo scopo è quello di ispirare una serie di cartoni animati sulla falsa riga dei Simposon americani. A fine maggio, avremo la prima puntata.Come se non bastasse l’abbondanza di reality di tutte le fatte, mancava l’ennesimo tentativo di televisione “spiona”. In questo caso si può parlare di “meno peggio” dal momento che la presenza dei bambini, sarà la garanzia di un prodotto, ci auguriamo, almeno privo di volgarità.Il concorso si chiuderà il 23 gennaio 2006. E’ affidato interamente alla fantasia ed alla spontaneità proprio dei bambini i quali, con 300 lettere, hanno cercato di promuovere la propria famiglia candidandola come la migliore possibile per quel progetto. «Andiamo sempre di corsa, papà parla giorno e notte al telefono, mamma è svelta, urliamo sempre» dice Emanuele 6 anni napoletano; «siamo tutti simpatici, un po’ pazzi, un po’ belli, un po’ brutti, e siamo tutti sinceri» giura Francesco 7 anni di Pozzuoli; «perché non lo meritiamo, perché mamma vuole fare l’attrice, perché ci sentiamo molto “animati”» Francesca 7 anni; «la mia famiglia è molto divertente, è fantastica, è unita e non sa cosa significa la parola vergogna» assicura senza pudore Vito 11 anni di Monopoli; «sopportiamo le figuracce…» fiera dice Lucrezia di 7 anni.Insomma, a quanto pare, non sarà affatto difficile trovare la famiglia Nickelodeon. Ci sono tutte le premesse per realizzare il progetto di cartone alla americana con l’unica differenza dai cartoni già esistenti, che il punto di vista sarà quello dei bambini e non degli adulti.Anche le telecamere, infatti, saranno posizionate ad altezza di bambino per meglio interpretarne l’innocenza e la sincerità «siamo peggio della famiglia Fantozzi, potrebbe essere divertente» ha consigliato Melissa 7 anni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui