Non sempre conviene

A conti fatti conviene trasferire il denaro all’estero solo per evadere le tasse ma è reato

Non solo per non pagare le tasse si decide di portare i propri risparmi all’estero in una banca straniera. E’ una operazione lecita, è consentita dalla nostra legislazione ma, per rimanere nell’alea della legalità, è obbligatorio comunicarlo al fisco mettendosi in regola con le norme sulle tassazioni.

Nell’ambito dell’Unione Europea, per le movimentazioni di denaro, si fa capo alle Direttive 94/19/CE e 91/308/CE.

L’Uic, l’ufficio italiano dei cambi, è l’organo competente al quale vanno denunciati trasferimenti di denaro all’estero che superino i 10.329,14 euro in base al D.Lgs. n. 659/96.

Tale processo è atto ad evitare sanzioni che arrivano sino al 25% delle somma che, se non denunciate, risultano esportate illegalmente.

Conviene dunque aprire un conto corrente all’estero se si vuole escludere che non sia per evadere le tasse? Per alcuni aspetti, sicuramente sì. Per esempio, alcuni Paesi offrono una imposizione fiscale minore, con spese di apertura conto basse rispetto a quelle praticate dalle banche italiane, senza contare, non per ultimo, che, in alcuni Paesi è più facile ottenere mutui a tassi di interesse più convenienti che in Italia.

Di contro, bisogna dire che il rimborso dei soldi può subire ritardi dal momento della richiesta ed i costi di gestione, a dispetto di spese di apertura conto bassi, possono essere notevolmente salati, senza contare che la procedura di chiusura conto è lunga e laboriosa.

Non ci si lusinghi, le banche di molti Paesi europei, non concedono aperture conti a piccoli clienti stranieri salvo che non li conoscano o siano presentati da mediatori che, per fare da garanti, si fanno pagare profumatamente

Comunque, se si decide di aprire un conto corrente all’estero, occorre un passaporto, una bolletta o una utenza qualsiasi pagata che comprovi la residenza effettiva, la documentazione necessaria a certificare la provenienza del denaro che si deposita, la situazione economica del correntista.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui