2 Comunicati stampa

Nota stampa. On. Franco Grillini. Veltroni e i gay. Buone le intenzioni ma, per ora, niente fatti

La risposta di Veltroni a Gayleft e alla comunità gay fa chiarezza solo su alcune delle richieste avanzate dal movimento lgbt.

Nella risposta di Veltroni le questioni spinose, come ad esempio il matrimonio di omosessuali e lesbiche (riconosciuto in numerosi paesi europei), sono eluse.

Veltroni si esprime, sia sui Cus che sull'approvazione della legge sulla violenza, e le intenzioni ci paiono buone, ma, a tutt'oggi, mancano i fatti.

In particolare ci aspettiamo che il Pd dica con chiarezza che è contrario ad ogni scorporo del pacchetto Governativo contro la violenza, e che si adopererà per una rapida approvazione con la richiesta al Governo della corsia preferenziale per il provvedimento.

Lo stesso discorso vale per i Cus in discussione al Senato: se si è favorevoli al progetto di legge, si deve essere favorevoli, ad un rapido esame in sede parlamentare che possa portare il disegno elaborato dalla Commissione giustizia ad un voto entro quest'anno.

Quando si è leader di una grande forza politica si deve parlare soprattutto con i fatti, e nei prossimi mesi Veltroni avrà l'opportunità di dimostrare nel concreto se alle sue parole corrisponderanno dei fatti concreti, o se si tratta soltanto di propaganda.

Franco Grillini

Costituente socialista

Promotore Forum delle libertà

Nota stampa. On. Franco Grillini. Celibato un anacronismo. Libertà per i preti gay. Exit e gay.it un commento sulle inchieste
L'inchiesta della trasmissione “Exit” condotta su La7 da Ilaria D'Amico e il sondaggio del sito internet “Gay.it” attestano, inequivocabilmente, la grande ipocrisia del presunto celibato ecclesiastico.

Quella cattolica è tra le poche religioni al Mondo che impone ai suoi membri e al suo clero castità, astinenza e celibato.

Non occorre essere psicologi o esperti sessuologi per sapere che castità ed astinenza per le persone adulte in salute sono impossibili ed impraticabili.

L'ipocrisia del celibato dei preti cattolici, spinge migliaia di appartenenti al clero ad una crudele vita di sofferenza di clandestinità, di doppia vita, di sentimenti bruciati e di sessualità castrata.

Le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti, sia in materia di scandali sessuali, sia in materia di doppia vita.

Il celibato dei preti è parte più integrante della sessuofobia cattolica che ha impedito fino ad ora, non solo una normale vita sentimentale dei preti stessi, sia etero che omosessuali, ma rappresenta a tutt'oggi un ostacolo insormontabile per una doverosa informazione sessuale nelle scuole, per una efficace prevenzione ed informazione sulle malattie e trasmissione sessuale e per il riconoscimento del pluralismo delle forme familiari.

Nel momento in cui, è la chiesa romano cattolica stessa e non essere in grado di dare il “buon esempio” sarebbe opportuno che cessasse di dare “cattivi consigli”.

Franco Grillini

Costituente socialista

Promotore Forum delle libertà

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui