COMUNICATO STAMPA

Il Consolato d'Italia in Atene presenta il “Manuale di comunicazione interculturale tra italiani e greci” (IIC di Atene, 27.10.07)

Nell’ambito della 7ª settimana della lingua italiana nel mondo, si e’ svolta, presso l’Istituto Italiano di Cultura “Casa d’Italia” in un auditorium gremito da un pubblico entusiasta, la presentazione del libro “Manuale di comunicazione interculturale tra italiani e greci”, di Fabrizio Lobasso, Elisabetta Pavan, Fabio Caon , per le edizioni Guerra 2007.
Il modello di competenza usato e' quello del prof. Paolo E. Balboni, noto accademico, interculturalista, pilastro della scuola veneziana di glottodidattica e dell’insegnamento dell’italiano a stranieri, direttore della collana a cui il libro appartiene.
Quest’ultimo consacra una ricerca svolta nei mesi scorsi – con finanziamenti del Ministero Affari Esteri, Direzione Generale per gli Italiani all'estero – mirata a creare – nelle parole di uno degli autori, il console Fabrizio Lobasso, di prossima fine di mandato e rientro a Roma – “un efficace mezzo di approfondimento per gli italiani che desiderano una migliore integrazione nel paese che li ospita, per i greci destinati a legare i loro destini al nostro Paese, per docenti, manager, studenti, simpatizzanti e in generale per coloro che preferiscono l’interazione e il dialogo alle barriere culturali”.
Il saggio si compone di cinque aree tematiche, piu’ una breve panoramica storica e, nel finale, alcune note pratiche per il lettore.
In sintesi, vengono affrontate differenze ed analogie tra italiani e greci relative a valori culturali (ad esempio, la diversa percezione di tempo, spazio, gerarchia, famiglia e religione); alla comunicazione non verbale, ad esempio di gesti come il sorriso, l’uso di braccia e mani, la vestemica, la prossemica e le espressioni facciali; alla comunicazione verbale in cui sono esaminati il tono della voce, la postura, la velocita’ di eloquio cosi’ come i diversi modi di salutare o di utilizzare appellativi; alle “mosse” comunicative, come l’abbandonare una discussione, dissentire, ironizzare, scusarsi; ed infine, ad alcune situazioni comunicative pratiche, in cui, anche grazie alla raccolta di aneddoti divertenti, il lettore puo’ avere esempi di come cene, cocktail, meeting di lavoro e viaggi in taxi possano trasformarsi in esperienze talvolta “insolite” per un italiano in Grecia e viceversa.
Il manuale non intende restare nei cassetti dei lettori. Esso vuol essere d’aiuto nella formazione di funzionari, imprenditori, professori, turisti, gente comune che intende relazionarsi alla Grecia in modo piu’ completo e cooperativo.
E’ per questo che il progetto e’ destinato ad ampliarsi con l’organizzazione in futuro di corsi di formazione e seminari sul tema della comunicazione interculturale e con la sua auspicata traduzione in greco per raggiungere un pubblico ancora piu' vasto.
(red. Giuliana Olivari)

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui