2 Comunicati Stampa

Laratta (Ulivo): Aiuti e incentivi dello Stato alle imprese che aumentano le buste paghe dei dipendenti
Il parlamentare dell'Ulivo, on. Franco Laratta, membro della Commissione Lavoro della Camera, ha annunciato che insieme a diversi colleghi parlamentari ha elaborato una proposta finalizzata a sostenere quelle imprese che incrementeranno gli stipendi dei lavoratori, come ha fatto il sig. Enzo Rossi con i dipendenti del suo pastificio ai quali ha aumentato di 100 euro mensili lo stipendio. Per il deputato Franco Laratta: “Lo Stato, le Regioni e gli Enti Locali, possono favorire quelle piccole e medie imprese che aumenteranno immediatamente le buste paghe dei propri dipendenti. Si tratta di incentivi, detrazioni, riduzione di tasse e sconti per i costi dei servizi che Stato, Regioni e Enti Locali possono applicare nelle diverse forme possibili. L'obiettivo deve essere chiaro: premiare le imprese che aiutano i lavoratori e danno loro aumenti determinati e chiari nella busta paga. Ma va ricordato che il Governo, con il cuneo fiscale è già intervenuto lo scorso anno a favore delle imprese, che hanno potuto usufruire di sconti fiscali importanti. Così pure con il nuovo contratto dei dipendenti della Pubblica Amministrazione che ha dato loro 100 euro mensili in più in busta paga. Ora bisogna guardare a tutti quei lavoratori che hanno reddito da fame, che non arrivano più a fine mese, che hanno visto dimezzarsi il potere di acquisto e quindi valore del loro stipendio. Così non si può andare avanti. L'esempio dell'impresa del sig. Rossi è esemplare: aumentare lo stipendio dei lavoratori si può e si deve. Ma anche lo Stato e gli Enti locali devono fare la loro parte. Il sostegno a queste imprese può innescare un meccanismo positivo e favorire la ripresa dei consumi, dando comunque una boccata di ossigeno a milioni di famiglie”

L'on. Franco Laratta, deputato de L'Ulivo, nel corso di un incontro a Cosenza ha dichiarato: “Il CSM copra al più presto i vertici degli uffici giudiziari calabresi vacanti da troppi mesi. Potrebbe anche inviare, in via eccezionale, un pool di inquirenti per chiudere le diverse indagini aperte da mesi che riguardano la corruzione e che vedono coinvolti uomini politici e pubblici amministratori”. Prosegue l'on. Laratta “Tutte le indagini vanno chiuse ed i responsabili vanno processati. Non è possibile che in Calabria tutto rimanga nel vago. Il rischio è che 'tutti colpevoli, nessun colpevole' prevalga, uccidendo così le speranze dei calabresi onesti e dei politici perbene”.

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui