Biancofiore: il mio tentativo di riappacificare il centro destra aldilà delle leadership, gli italiani inseguono radici, riferimenti, valori.

Appello al centrodestra e al senatore Bossi

Ci sono date che raccontano la storia di una Nazione. Momenti in cui il sacrificio di alcuni uomini ha reso unito un intero popolo. Lo stesso popolo oggi troppo confuso dai proclami di una politica che tende ad allontanarsi dai sentimenti della gente comune. Ho ritenuto che all’Italia, ancora troppo divisa in schieramenti contrapposti, in vincitori e vinti, occorresse un segnale significativo di riunificazione. Un’unità aldilà delle leadership politiche che, come il 4 novembre di ottanta anni fa, cementò una nazione che per secoli era stata divisa e immersa esclusivamente nelle proprie realtà ed interessi locali. Oggi, anche in considerazione di un dibattito politico che vede due Italie contrapposte, credo sia fondamentale cercare di ridare importanza a quella vittoria. Ecco perché ho voluto presentare un PDL per ripristinare la festa del 4 novembre, quale festa nazionale dell’Unità e delle Forza Armate. Non sono sufficienti gli spot istituzionali e autoreferenziali con i quali il governo ha riempito la tv di Stato. A differenza di altre date questa è l’unica che può ancora oggi ricompattare una nazione attualmente caratterizzata da un’identità confusa, divisa da contrapposizioni locali, da conflitti interistituzionali e da rancori politici. Mi auguro che i politici di ambo gli schieramenti accolgano questa proposta con una sincera sensibilità: quella di voler contribuire a sancire l’Italia quale Paese unito, e di riconoscere il sacrificio dei nostri eroi di allora e di oggi. Un appello particolare va ai leader del centrodestra , affinché la loro firma possa essere un momento di riappacificazione su quei valori che ci hanno visto percorrere per 15 anni la stessa strada. Mi auguro di poter contare anche sulla firma del Senatore Umberto Bossi, perché il PDL invoca l’Unità d’Italia come principio superiore che non intacca in alcun modo le forme di stato che le maggioranze politiche vorranno disegnare. Non è un caso che il termine “federalismo” venga dal latino “foedero” che significa unire, non dividere.

UFFICIO STAMPA
Lucrezia Pagano

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui