“FI nasce con i club. Spariti, Berlusconi li converte nei circoli della libertà, 'cannibalizzando' la base elettorale degli alleati. Con essi raccoglie firme contro il Governo Prodi, alle quali partecipano tutti gli elettori del centro destra e le converte per adesioni al nuovo PDL: un vero prestigiatore!”. Lo sottolinea il Sen.Amedeo Ciccanti parlando nell'ascolano, ad un'assemblea di giovani professionisti e imprenditori sull'attuale situazione politica. In merito alla genuinità democratica del nuovo partito, conclude: “La misura la dà l'on.Adornato, che da anni lavora per il partito unico del centro destra ed è di FI ed amico di Berlusconi, ma non ha aderito con i suoi club Liberal al nuovo partito, perchè ritiene sia una riedizione di una FI allargata, con gli stessi vizi e limiti personalistici”.

“Caro Giovanardi, sciogliere l'udc per confluire in una Forza Italia allargata è ingeneroso per i tanti sacrifici fatti in questi anni da migliaia di militanti democristiani e soprattutto per te, che distinguendoti dal partito di Berlusconi dal 1994, hai marcato una differenza che c'era e rimane fino a prova contraria”. Lo afferma il Sen.Amedeo Ciccanti dell'udc cheaggiunge: “Il fatto che Adornato e il gruppo di Liberal, da sempre teorizzatori del partito unico del centrodestra, prendano le distanze dal PDL, dovrebbe far riflettere sulla genuinità democratica del nuovo soggetto politico di Berlusconi”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui