“Ancora una volta mi trovo costretto a denunciare l’ignoranza nel settore economico del nostro ceto politico”. Ad affermarlo è l’onorevole Massimo Romagnoli deputato di Forza Italia, eletto nella Circoscrizione Estero, ripartizione Europa.
“Ho avuto modo di evidenziare sul sito www.europainfo.it i dubbi che nutro da diversi anni nei confronti dell’Istat e del suo metodo di ricerca. – prosegue il deputato di Forza Italia – Infatti l’Istat, insieme alla Banca d’Italia, non menziona mai le mancate coperture dei contratti rinnovati ed ancora in attesa di essere liquidati, i conti a terzi cioè ai creditori, mai contabilizzati nemmeno dalla Ragioneria Generale dello Stato e sottratti alle indicizzazioni dello stesso Istituto nel capitolo “debito pubblico”. A coloro che accettano quanto sbandierato dai nostri “istituti di economia” consiglierei di fare un veloce corso di economia politica presso le più prestigiose facoltà di Economia e Commercio americane, inglese, francese e tedesche, così che possano imparare come si redige un bilancio dello Stato”.
“Quando prima – conclude Romagnoli – chiederò che a scrivere una finanziaria per il nostro Paese siano istituzioni indipendenti, almeno saremmo tutti sicuri della loro “imparzialità” eliminando il rischio di trovarci da qui a qualche mese con la solita manovra di finanza pubblica, per coprire le nefandezze che da lunghi decenni colpiscono il Paese”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui