Usando i servizi di un Call Center, la lista nazionale PER IL BENE COMUNE ha fatto fare un sondaggio su 5000 elettori, con due sole domande:
– Lei sa che alle elezioni politiche del 13 aprile ci sarà anche la lista civica nazionale Per il Bene Comune, che è fuori dal teatrino degli attuali partiti e li accusa di avere, a turno, malgovernato il nostro paese? (risposte: NO/ SI/ Non so/ Altro).
NO = 76,1 % ;
SI = 10,2 %
Non so = 10,3%
Altro = 3,4 %
– Lei voterà la lista PER IL BENE COMUNE? (SI / NO / Non so / Altro)
SI = 3, 4 % ;
NO = 82, 9 % ;
Non so = 10, 5 %
Altro = 3,2 %

Nei sondaggi finora fatti dai media PER IL BENE COMUNE, che candida a Premier lo scienziato Stefano Montanari, non era nemmeno censita e veniva raggruppata nel termine “altri”.
Vedendo quotidianamente crescere l’adesione di nuove liste civiche e di associazioni e gruppi locali e nazionali, nonché quella di tanti cittadini che partecipavano alle loro iniziative ed ai loro accessi mediatici (tra Blog, Meetup e Sito, superano i 2000 contatti giornalieri) hanno deciso di fare un loro sondaggio.
Il dato rilevato (pur considerando la naturale oscillazione del + o del – 0,5%) – dichiara Monia Benini, presidente della Lista elettorale- ci entusiasma; ora pur sapendo che continueranno smaccati trucchi e trucchetti per non applicare né la Costituzione, né la legge sulla
“ Par condicio”, sappiamo anche che, per tentare di salvare la faccia, saranno costretti a “farci passare” su TV e Giornali, e aumenterà il numero degli elettori che andranno al voto sapendo che ci siamo anche noi, con le nostre proposte.
Adesso – dichiara il sen. Fernando Rossi – possiamo concretamente porci l’obbettivo di superare il 4%, portando così più di 20 parlamentari alla Camera, su cui né la grande finanza, né le varie lobby affaristiche potranno far di conto. Per l’Italia comincerà una vera rivoluzione.

Visita il sito: www.perilbenecomune.net
http://ilbenecomune.blogspot.com

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui