Caro Severgnini, cari Italians,
il governo, prendendo spunto dalla proposta di Franceschini di qualche settimana fa, se ne esce con l'idea di applicare un'imposta sui redditi più alti per la ricostruzione dell'Abruzzo. La trovata mi sembra assurda per tre motivi che vado ad illustrare:

1) Non credo che colpiranno solo i redditi più alti, inoltre non capisco perché in Italia si gioisca quando tassano i ricchi, ci sarà anche chi li ha guadagnati onestamente i suoi soldi, e perché dovrebbe pagare per una malfunzione dello Stato?

2) Ogni governo è capace di imporre nuove tasse o imposte meno di toglierle, ad es. tutti noi oggi paghiamo per ogni litro di benzina, 1.90 lire per il finanziamento della guerra di Etiopia del 1935, 14 lire per il finanziamento della crisi di Suez del 1956, 10 lire per il finanziamento del disastro del Vajont del 1963, 10 lire per il finanziamento dell'alluvione di Firenze del 1966, 10 lire per il finanziamento del terremoto del Belice del 1968, 99 lire per il finanziamento del terremoto del Friuli del 1976, 75 lire per il finanziamento del terremoto dell'Irpinia del 1980, 205 lire per il finanziamento della guerra del Libano del 1983. Penso, quindi, che i soldi per l'Abruzzo già ci siano a meno che la Colonia di Etiopia sia ancora nostra.

3) Ritengo immorale, e preciso che la parola morale non mi piace, che chi costruisce un ospedale che costa 9 volte il preventivo e non risparmia 400.000.000 di euro, accorpando votazioni, per mantenere un controllo mafioso sui propri candidati e spreca tutto quello che si può a destra come a sinistra a Catania come a Napoli chieda ancora soldi. Infine una domanda a Severgnini, com'è possibile che dopo anni di Report, Grillo, Travaglio, Stella, Ofeddu con tutti i limiti che possano avere le loro inchieste non si senta la necessità di chiedere, da parte dei media, dei politici onesti dei magistrati e dei polemisti/guru, una profonda riforma della pubblica amministrazione?

Lorenzo Magni , lmagni@rocketmail.com

http://www.corriere.it/solferino/severgnini/09-04-17/09.spm

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui