Secondo quanto apprendo nelle ultime ore dall’Ansa, il presidente del Consiglio ha affermato che “sarebbe giusto spostare il G8 della Maddalena qui all'Aquila”. Berlusconi, secondo quanto riferito da fonti governative, avrebbe espresso la volontà di tenere il vertice nella città colpita dal sisma, motivando questa decisione con il fatto che in questo modo si risparmierebbero denaro e risorse che potrebbero essere utilizzati per la ricostruzione.
E’ ovvio che l'ipotesi è stata accolta con favore dal sindaco e dagli amministratori locali, ma si tratta di un vero e proprio atto insensato. L’ennesima uscita ad effetto del Premier, che suona però come una triste boutade per la Sardegna.
Se l’intento era quello di risparmiare risorse, mi chiedo perché non si è votato per l’accorpamento tra Referendum e Elezioni europee? Vorrei proprio sapere quanto creativa sarà la finanza del Ministro del Tesoro per spostare quanto è stato destinato alla nostra regione in Abruzzo. Insomma, prima era Napoli, poi Milano, oggi è L’Aquila. È lampante l’alta considerazione e il rispetto che il premier ha per i sardi e ancora più lampanti sono le promesse e le parole al vento. Ci sono stati investimenti, opere ancora incompiute, migliaia di operai e numerose aziende che lavorano. Che fine faranno?
Che dire ancora, attendiamo l’ennesima smentita? Lo speriamo tutti.
Amalia Schirru

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui