Oggi 29 aprile spettacolo musical-teatrale per raccogliere fondi da inviare all'Abruzzo. Aperto
anche un conto corrente per donazioni volontarie.
“Ripartiamo dalla fine perchè ogni inizio è una trasformazione, un viaggio”. È questo lo slogan che
fa da sfondo all'iniziativa in calendario oggi, 29 aprile (ore 20.00), presso il teatro Traetta: il
chiaro intento è raccogliere fondi per la ricostruzione della Casa dello Studente a l'Aquila,
totalmente crollata in seguito al terremoto del 6 aprile scorso, causando la morte di otto dei tanti
universitari che l'affollavano.
Numerose le realtà che hanno aderito all'iniziativa patrocinata dal Comune di Bitonto: il CNA
Bitonto, la sezione cittadina dell'Avis, il Centro Studi Salotto Letterario “De Gennaro”, Astratto di
Alessandra Sgaramella e BitontoTv.
Per l'occasione sarà riproposto lo spettacolo teatrale “Treni action, reading e frozen” a cura
dell'associazione “TeAltroGezz” di Bruno Pompili, ordinario di Letteratura francese, autore di testi
teatrali e poeta. Già andato in scena lo scorso 30 gennaio, riscuotendo ottimo consenso di critica e
pubblico, la rappresentazione vede protagonista la voce Alessandro Lorusso, Angelo Verbena alle
musiche per la regia di Oriana Amendolagine.
TeAltro…Gezz è un progetto che, come si legge sul blog ufficiale della compagnia, nasce da uno
studio teatrale, teorico e pratico, con la finalità di “contaminare” i generi e le arti stesse. Lo scopo
primo è quello di creare accostamenti apparentemente contradditori tra la scena, la musica (che non
è mai un sottofondo) e gli attori, che non sono soltanto attori, ma mimi, danzatori e voci recitanti. Il
gruppo, infatti, si accompagna e accompagna performances musicali di vario genere con una
predilezione per ogni musica che si possa “definire” di confine.
“Abbiamo pensato di riproporre questo spettacolo teatrale perché oltre alla bellezza artistica, alla
suggestività delle scene, al suo interno racchiude una particolarità molto toccante – spiegano gli
organizzatori – alcuni componenti della compagnia sono futuri studenti universitari. Quindi
studenti che, per dimostrare la propria vicinanza, fanno qualcosa per altri studenti”.
“La manifestazione – spiegano – è scaturita dalla spinta emotiva nata in tutti noi dopo il sisma che
ha colpito la popolazione abruzzese. Personalmente sentivo l'obbligo di fare qualcosa per
dimostrare la solidarietà della città di Bitonto verso le zone interessate dal sisma. Mi pare
doveroso un ringraziamento ai componenti dell'associazione TeAltroGezz che, a titolo del tutto
gratuito, hanno aderito con molto entusiasmo all'iniziativa. L'occasione è anche un modo per
tastare da vicino la sensibilità dei bitontini, fin qui relativamente poco coinvolti”.
Sarà la casa dello studente, dunque, a beneficiare dei proventi dello spettacolo: “Abbiamo scelto di
destinare i fondi alla casa dello studente anche perché, a livello nazionale, l'AVIS ha avviato una
campagna di sensibilizzazione in favore proprio della residenza universitaria – aggiungono gli
organizzatori – L'obiettivo minimo che l'iniziativa si propone è quella di riempire il teatro in modo
da fornire una cospicua donazione”.
Importante anche l'apporto che si può dare con contributi volontari in denaro, da destinare
direttamente all'Avis mezzo banca. È stato attivato, infatti, un un apposito conto corrente bancario il
cui codice IBAN è: IT21 X010 1041 3801 0000 0002421 – AVIS BITONTO.
L'impresa di aiutare concretamente i fratelli e le sorelle abruzzesi non è impossibile.
Per informazioni basta rivolgersi alla Libreria del Teatro – largo teatro, 7 – Bitonto (Ba)
tel: 080/3758368

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui