Marco Di Costanzo (Posillipo), Bernardo Nannini (Canottieri Firenze), Elena Coletti (Lavoratori Terni) e Giada Colombo (Tritium): sono i giovani canottieri che l’Italia schiera nel due senza maschile e femminile alle Olimpiadi giovanili di Singapore da domenica 15 a mercoledì 18 agosto.

Parliamo di quattro neomedagliati ai Mondiali Juniores di Racice (Repubblica Ceca), rassegna iridata under 19 conclusasi domenica scorsa con cinque medaglie (due argenti e tre bronzi) per la Nazionale italiana giovanile: argento nel doppio per Coletti e Colombo, bronzo nell’otto per Di Costanzo e Nannini.

Avversari degli azzurri, quest’anno primi in questa specialità nelle gare nazionali di Piediluco e Varese e in entrambe le giornate Memorial D’Aloja, saranno Australia, Bielorussia, Bulgaria, Croazia, Spagna, Francia, Gran Bretagna, Grecia, India, Slovenia, Serbia e Turchia.

Per le azzurre i confronti saranno con Grecia, Australia, Nuova Zelanda, Russia, Gran Bretagna, India, Sudafrica, Thailandia, Bielorussia, Romania, Ungheria e Bulgaria.

Sommando anche gli atleti impegnati nella specialità del singolo, sono in totale 96 i canottieri da tutto il mondo che gareggiano nella prima edizione dei Giochi Olimpici giovanili: sono al massimo due le barche per ogni nazione (una maschile e una femminile) e l’Italia ha raggiunto il proprio obiettivo in occasione delle qualificazioni di Brive La Gaillarde (Mondiali Junior 2009) grazie al quarto posto del due senza femminile Basadonna-Valtorta e al bronzo dell’otto maschile.

A Singapore si gareggerà sulla distanza di 1000 metri nel campo di regata situato alla Marina Reservoir: il via alle regate è previsto alle 10 (le 4 in Italia) di domenica, poi lunedì i recuperi, martedì le semifinali e mercoledì le finali che prevedono prima le sfide tra i sei migliori singoli (11.25 femminile e 11.35 maschile) e poi tra i sei migliori due senza (11.45 femminile, 11.55 maschile).

GLI AVVERSARI DELL’ITALIA A SINGAPORE

Sono 13 le barche iscritte nel due senza femminile.
L’Italia schiera Giada Colombo (Tritium) ed Elena Coletti (Lavoratori Terni) dopo la qualificazione raggiunta grazie al quarto posto di Martina Valtorta e Laura Basadonna (entrambe Sisport) ai Mondiali Juniores 2009 di Brive La Gaillarde.

Anche la Grecia (seconda in due senza ai Mondiali Junior con Kassiani e Andreanna Spyridou) punta sulle ragazze del doppio (Ntalamagka e Diamanti), quinte nella specialità in cui le nostre azzurre hanno conquistato la medaglia d’argento a Racice dietro la Francia.

Scendono dal quattro senza le australiane Aldersey e Basher (terze) e le neozelandesi Heaphy-Hall e Macfarlane (prime): dall’otto ecco provenire le russe Anastasia ed Elizaveta Tikhanova (seste) e le inglesi neocampionesse mondiali Gammond e Howard-Merrill

Niente Mondiale a Racice per gli equipaggi di India (Deo, Mulackal), Sudafrica (Donaldson, Makamu), Thailandia (Monchai, Whiskin), Bielorussia (Nadzeya e Tatsiana Misachenka) e Romania (Buzdugan, Gigica): da sottolineare che proprio la Romania ha conquistato il titolo mondiale in questa specialità puntando su Bizom e Hrisca.

Solo due gli equipaggi in gara anche in Repubblica Ceca nel due senza: la Bulgaria (Gesheva, Mavrova) e l’Ungheria (Uglik, Kiss), rispettivamente quarta e quinta classificata.

Altrettante barche competeranno nel due senza maschile dove l’Italia può contare su Marco Di Costanzo (Posillipo) e Bernardo Nannini (Firenze), bronzo nell’otto ai Mondiali Junior e reduci da un’intera stagione di vittorie in gare nazionali e internazionali (Memorial D’Aloja) proprio nel due senza.

Gli australiani Cochran e Watts scendono dal ‘quattro con’, terzo a Racice alle spalle proprio dell’Italia.
La Gran Bretagna punta su Jopling e Nainby-Luxmoore, secondi in quattro senza in Repubblica Ceca.
Per Budzko e Valadko (Bielorussia) si torna in gara dopo il quattordicesimo posto nell’otto ai Mondiali Under 23.

A proposito della Grecia, occhio ai neocampioni mondiali Lampridis e Nastopoulos. A ridosso del podio di Racice la Francia, grazie alla buona prestazione di Chopy e Demey. I bulgari Georgiev e Rusinov hanno invece concluso il Mondiale Junior al quinto posto nella specialità in cui competeranno a Singapore dove ritroveranno la Slovenia , sesta con Domanjko e Grace. Vittoria nella finale di consolazione in Repubblica Ceca per i turchi Girisken e Kazakli. Meno bene è andata ai croati Cakarun e Ledenko, soltanto terzi in finale B. Un gradino sopra, invece, gli spagnoli Zabala e Alonso mentre l’India di Khan e Singh ha terminato la propria fatica all’undicesimo posto. Non si è proprio presentato in finale C il due senza serbo di Matovic e Simovic.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui