“Chiediamo una tutela del voto a 360 gradi. Un diritto che non sia lasciato alla mercè dell’illegalità, della superficialità e dell’autonomia delle singole strutture diplomatiche”. E’ quanto affermato oggi da Aldo Di Biagio, deputato Fli, nel corso delle votazioni alla Camera sulle mozioni concernenti le problematiche del voto all’estero in relazione alle recenti consultazioni referendarie. “Sono anni che cerchiamo di sollevare l’attenzione del Governo dinanzi alla gestione normativa, logistica ed amministrativa del voto – ha sottolineato – ma l’unica risposta che ci è stata data si è limitata a qualche annuncio demagogico privo degli opportuni risvolti parlamentari”. “Bisogna partire – ha aggiunto Di Biagio – da un miglioramento della legge esistente, con le opportune rettifiche già da tempo segnalate in proposte di legge e provvedimenti parlamentari”. “Il Governo deve capire che la vuota demagogia ci serve a ben poco – prosegue – non serve per il rafforzamento dello strumento democratico, e non serve per il riconoscimento del primario diritto degli italiani all’estero”.
Di Biagio ha poi concluso:“I connazionali sembrano aver compreso bene quali siano le regole del gioco e non ci stanno. Neanche noi ci stiamo: pretendiamo concretezza e lungimiranza, ingredienti indispensabili per una corretta gestione democratica del Paese. Ma per l’attuale governo tutto questo sembra un optional”.

Ufficio stampa
On. Aldo Di Biagio
Tel 06 67605755
Fax 06 67605030

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui