I dati dell’affluenza alle urne, per questo significativo test politico-amministrativo, segnano alla chiusura dei seggi una “importante” flessione.

A questa bisognerà aggiungere l’ammontare delle schede bianche, nulle e non attribuibili, che in aggiunta agli elettori che non si sono recati alle urne caratterizzerà il dato astensionistico finale, sempre più praticato dagli italiani, rispetto al fortissimo appeal che negli anni scorsi le elezioni invece esercitavano su di essi.

E’ su questo terreno reale, vale a dire sulla conta effettiva dei voti andati a segno (o su quelli persi), che si dovrebbero confrontare i politici all’indomani del voto, e non solo sulle percentuali ingigantite da una metodica di calcolo effettuata sui soli voti utili.

Questa apparente sottigliezza, di dubbia democraticità soprattutto in un Paese come l’Italia dove la politica è sempre stata la padrona assoluta di tutto, ha sempre permesso all'interlocutore politico di ricorrere poi alle solite esternazioni di demagogia e vittoriosità, vantate anche a fronte di sonore e paradossali sconfitte.

Ciò, al fine di far passare inosservate anche le evidenze più conclamate, determinate dalle emorragie di voti, come starebbe emergendo anche in questa tornata elettorale a spese, stavolta, dei partiti maggioritari.

In attesa dei dati definitivi dello spoglio, la CVDP pertanto invita ogni testata giornalistica, impegnata a seguire gli esiti elettorali sia su scala locale che nazionale, ad evidenziare anche le risultanze numeriche dei voti espressi, rapportandoli possibilmente in percentuale anche al complessivo degli aventi diritto al voto.

Forse, grazie a questa semplice accortezza, si inizierà finalmente ad invertire quella proverbiale prepotenza dei politici, e, di conseguenza, anche a contrastare quella pratica di maggior distacco degli elettori nei loro confronti che è l'astensionismo.
Che molto impropriamente, e da più parti, viene spesso dipinto come “antipolitica”.

la CVDP – Commissione di Vigilanza

per la Democrazia Partecipativa

(movimento astensionista politico per

il rilancio della sovranità popolare)

Antonio Forcillo, portavoce

Cell. 338-5867165

Mail: forcillotoni@alice.it

Sito internet: www.cittadiniattivibernalda.it

Avatar

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui