Al Ministro dello Sviluppo Economico delle Infrastrutture e Trasporti – Per sapere – Premesso che:

– Lamezia Terme è la terza città della Calabria per numero di abitanti ed è di notevole importanza dal punto di vista agricolo, commerciale, industriale ed infrastrutturale per la sua posizione centrale nella Regione;

– la stazione ferroviaria di Lamezia Terme ha da sempre rappresentato uno snodo fondamentale per i trasporti ferroviari regionali e nazionali, ma nonostante ciò continua da tempo ad essere penalizzata attraverso un non giustificabile smantellamento;

– da qualche anno, infatti, è stato smantellato lo scalo merci ed oggi si stanno diffondendo preoccupanti notizie circa un paventato smantellamento anche dello scalo passeggeri;

– sembra, infatti, che dal prossimo anno la stazione ferroviaria di Lamezia Centrale verrà trasformata a semplice fermata; privata, quindi, dei dirigenti di movimento e dei capistazione di turno; verrà soppresso e accorpato a Napoli il dirigente centrale operativo, cioè la grande sala operativa con maestosi schermi e computer dal quale si controllano le stazioni non presidiate, a Sud e a Nord di quella lametina;

– saranno cancellati la biglietteria, il sottocentro deposito pedonale viaggiante (Dpv), il reparto territoriale movimento e l’ufficio verifiche e la stazione rimarrà chiusa di notte;

– non si sa dove siano volatilizzati i milioni di euro, stanziati alcuni anni fa per il piano regolatore dell’importante scalo lametino;

– l’interrogante ritiene davvero inaccettabile la continua penalizzazione che Trenitalia riserva costantemente alla Calabria;

– a Rosarno e Crotone le biglietterie sono ormai chiuse; si impiegano fino a 5 ore per andare da Crotone a Cosenza; la locride è decisamente isolata;

– dal 9 dicembre con il nuovo orario invernale Trenitalia ha reso non prenotabile alcun treno interregionale che collega la Calabria alla Campania; sembra venga soppresso l’intercity notte 794 che parte da Reggio Calabria alle 21.30 e arriva a Torino alle 15.55; sparirà il convoglio che permetteva di raggiungere Roma alle prime ore del mattino;

– il tutto dopo la già avvenuta soppressione di ben venti treni a lunga percorrenza che collegano la Calabria al Nord Italia e viceversa;

– si parla, altresì, di tagli alla tratta Sibari – Metaponto:

– se non ritenga necessario ed urgente richiamare l’attenzione di Trenitalia al fine di non contribuire all’ulteriore isolamento della Calabria;

– se la notizia relativa al paventato declassamento della stazione ferroviaria di Lamezia Terme sia veritiera e nel caso affermativo venga impedito questo ulteriore scippo.

On. Angela NAPOLI

Roma, 15 novembre 2012

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui