Roma, 29 novembre 2012) – Il 27 novembre l’on. Franco Narducci (PD) ha presentato una interrogazione al Ministro dell'Economia e delle Finanze per sapere come il Governo intenda procedere dopo l’accoglimento dell’ordine del giorno presentato in occasione del voto sul cosiddetto milleproroghe 2011, a prima firma Narducci, volto ad impegnare il Governo medesimo a “valutare la possibilità di riconoscere una proroga di termini nell'autorizzazione della Banca d'Italia in materia di conversione in euro delle lire ancora in circolazione”.

“Dal giorno dell’accoglimento dell’ordine del giorno ad oggi – ha affermato l’on. Narducci – non si hanno notizie sulle intenzioni del Governo, mentre molti cittadini, oltre un migliaio secondo alcune stime, si trovano in condizioni di attesa, sperando di non vedere volatilizzare i propri risparmi; infatti dai calcoli della Banca d'Italia, aggiornati al mese di maggio 2010, si evince che vi è un ammontare di lire in circolazione pari a 1,3 miliardi di euro, dunque un importante gettito per le casse dello Stato”.

Per tali ragioni, quindi, l’on. Franco Narducci ha chiesto al Ministro dell’Economia e delle Finanze di sapere “quali iniziative intenda adottare il Governo per venire incontro alle esigenze di quei cittadini ignari delle repentine scadenze imposte e mantenere fede all'impegno assunto con l'accoglimento dell'ordine del giorno 9/4865-B/24 a prima firma Narducci, del 23 febbraio 2012, con il quale si è impegnato il Governo a valutare la possibilità di riconoscere una proroga di termini nell'autorizzazione della Banca d'Italia in materia di conversione in euro delle lire ancora in circolazione ed a garantire un'adeguata informazione nei confronti dei cittadini italiani residenti all'estero”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui