Se Bersani fallirà, saremo severi con lui. Su questo non ci piove. A ben vedere, la vittoria non giustificherà una nuova possibilità. Nessun’altra possibilità neanche per il buon Matteo che ha tentato di incantarci però con un pacchetto ben assortito di demagogia e manierismo barocco forbito di parole, gesti, opere ed omissioni. Non ci ha convinto neanche nel pieno del marasma ghiacciato della disillusione, non ci convincerà mai più allora. Ad un certo punto ha creduto d’essere il Grillo della sinistra ma invece si è accorto di essere un “calesse” come nel titolo di un film del compianto Troisi. Un incrocio tra Grillo e Benigni, seppur nella pittoresca fusione delle tipologie, non poteva bastare a Renzi stante la mancanza di un “sacco” personale ed originale dal quale estrarre farina che fosse sua. La politica e gli uomini devono cambiare e lo devono fare attraverso il processo e la parentesi Bersani. Pier Luigi è colui sul quale pesa la responsabilità delle responsabilità, quella di traghettare e condurre il generale ed auspicato cambiamento del paese da una sponda all’altra del fiume. E’ chiamato a disinnescare un ordigno nucleare a prezzo della sua stessa vita politica, del partito nel quale agisce e del destino prossimo futuro del paese. Parliamoci chiaro, e diciamolo una volta per tutte, qui in ballo c’è molto di più del default economico. C’è assai di più del prestigio internazionale che lascia, in fin dei conti, il tempo che trova. Siamo chiamati a predisporre le forze sul campo per difendere la reputazione e la dignità di un intero popolo fucina di eccellenze umane senza precedenti che da Mani pulite ad oggi non solo non ha fatto progressi, ma è addirittura peggiorato. Da oggi pensiamo seriamente al da farsi, mettiamoci un punto. In bocca al lupo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui