Basta, ne ho abbastanza del bullismo renziano che, in questa fase in cui il primo ministro Giuseppe Conte, sta facendo di tutto per trovare la quadra per tener in piedi l’esecutivo (e lo sta facendo con sincerità, fatiche immani e lealtà assoluta, se vuoi anche con quale piccola inesperienza) il “Renzi” sta invece ogni giorno intorpidendo il clima politica con giochetti da asilo infantile che, se dovessero continuare ancora, potrebbero etichettarlo come responsabile di una delle più gravi derive italiane. Ma questo “signore”, coadiuvato da certa stampa che lo utilizza solo per far notizia, non smette di confermare la mia prima impressione su di lui, e cioè che, la sua unica risorsa è la dialettica sbruffona e strafottente che gli Italiani, purtroppo, hanno capito troppo tardi.

Esso, non egli, operando a questo modo, non fa altro che far sortire gli effetti di un sasso buttato in uno stagno solo a scopo narcisistico ed irresponsabile ! Almeno, con Matteo Salvini, si sa di che morte si dovrebbe morire, mentre l’omonimo continua a giocare a nascondiglio, come se tutti gli altri, io compreso, fossimo delle pezze da piedi.

Attendo cosa succederà a breve a questo equilibrista da strapazzo. Se potessi lo manderei in…..come si dice a Venezia, regno dell’ex sindaco Cacciari che, a mio avviso, si esprimerebbe molto diversamente su di lui !

ARNALDO DE PORTI classe 1935

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui