Giornale in riallestimento
Archivi
Quadro editoriale

Registrazione al tribunale
di Roma n. 41 del 15/02/2007


Edito e diretto da

Salvatore Viglia

In redazione:

interviste, politica e cultura:
Rainero Schembri


politica, cultura e societa’:

Francesco Amoroso
II giornalista pubblicista abilitato dalla nostra testata (Roma)

Nino Bellinvia

Rossella Bellinvia

Loredana Biffo
III giornalista pubblicista abilitato dalla nostra testata (Torino)

Domenico Bilotti

Eugenio Bolia

Giorgio Brignola

Alessandra Broglia

Giovanna Canzano

Giulio Caporale

Marco Chinico’
IV giornalista pubblicista abilitato dalla nostra testata (Roma)

Nicola Clemente
I giornalista pubblicista abilitato dalla nostra testata (Napoli)

Arnaldo De Porti

Miriam Della Croce

Antonio Di Giovanni

Dario Ghezzi

Doriana Goracci

Elisa Merlo

Paolo Natale
V giornalista pubblicista abilitato dalla nostra testata (Roma)

Goffredo Palmerini

Renato Pierri

Paola Tullio

Laura Tussi

poesia e letteratura:
Andreas Papadopoulos

ANTTU

SA

arte, cultura e societa’:
Daniela Coppola
Monica Michetti
VI giornalista pubblicista abilitato dalla nostra testata (Roma)

Alessandro Olivieri
Elena Vigiano

Redazioni Estere:

da Atene:

politica internazionale
Sergio Coggiola
(Direttore di "Eureka" mensile in lingua italiana per gli italiani all'estero edito in Grecia)

cultura e politica
Angelo Saracini

——————-
dagli U.S.A.

politica, cultura e societa’
Emanuela Medoro
——————-
dal Peru’ – Lima –

politica, cultura e societa’
Alberto Calle
——————-
da Buenos Aires

sport e cultura
Gustavo Oronzo Rucci
——————-
da Londra:

Carmine Gonnella


Martino Cartella


Donato Zagarone
——————-

Inviato dagli USA


Ro Pucci

W5KYY
President RGP Enterprises

RGP JOURNALISTIC SERVICES
3323 Lost Hollow dr.
Kingwood, TX 77339 USA

Ph.: ( 281 ) 358 2633

e-mail: w5kyy@cebridge.net

*******************



Web Manager


Cesare Bramante



Implented


IDEA

La lettera al leader delle sardine da parte dei Sudisti Italianitia Santori, la questione meridionale non si risolve con qualche sfilata colorata o con una “schitarrata” tra giovani

 

di Biagio Maimone

Le manifestazioni del movimento delle sardine nelle piazze del Sud Italia non rispondono certamente alle istanze di riscatto provenienti dal Mezzogiorno d’Italia.
Noi meridionali “impegnati” siamo simili metaforicamente a formiche laboriose, molto attive, e non certamente simili a sardine ammassate, statiche e senza idee. Definirsi sardine è già un atto di consapevole o inconsapevole ammissione di volersi identificare con un oggetto chiuso in una scatola e, pertanto, passivo ed immobile, come le sardine inscatolate, intrise di olio. Ne scaturisce un’idea della politica come passività ed immobilità, proprio in quanto
“unta” dal potere che avvolge e blocca chi vuole cambiare le cose.
Senz’altro apprezzabile la protesta contro l’avanzare del sovranismo, del totalitarismo e del razzismo, tuttavia non basta. La protesta in sé e per sé si rivela sterile in quanto non risponde al nostro intento di dar vita ad un reale cambiamento di rotta finalizzato al riscatto delle nostra gente e delle nostre terre.
Assume certamente un valore simbolico far sventolare bandiere colorate nelle piazze, tuttavia non sortisce alcun effetto. Sono necessari progetti politici per contrastare l’avanzare del sovranismo e per l’affermazione economica e sociale del Sud Italia.
Appare evidente che manifestare senza proporre serie alternative politiche diventa un semplice momento mediatico che scaturisce l’effetto di favorire Salvini, le destre e la politica a favore del Nord Italia che trae vantaggio dall’assenza di proposte finalizzate al governo della realtà socio-economica e politica.
L’essere stati attratti così facilmente dai media non depone certo a favore delle cosiddette “sardine”, in quanto denota la smania di protagonismo anche personale e, pertanto, di autoafffermazione di coloro che si dicono rappresentanti del movimento.
Si evidenzia, inoltre, il sospetto, espresso, peraltro, da molti esponenti della vita politica e culturale, che il movimento delle sardine sia veicolato da poteri politici già affermati. Nostro intento è dirigerci oltre l’attuale sistema politico che vuole il Sud sottomesso: lo faremo traducendo in azioni concrete i nostri intenti e le nostre aspirazioni.
Il nostro programma politico deve essere alternativo a quello degli attuali partiti politici e, soprattutto, al programma politico della Lega.
Ci guida la consapevolezza di possedere la forza per realizzare l’alternativa reale al sovranismo e ai progetti di stampo razzistico che alimentano le discriminazioni sociali di cui siamo schiavi da più di due secoli.
Non sono e non saranno quindi le sardine a rappresentarci, ma un movimento popolare di donne e uomini del Sud Italia che rivendica i diritti calpestati del nostro popolo. Grazie Mattia Santori, ma al Meridione non bastano le manifestazioni.
La questione meridionale non si risolve con qualche sfilata colorata o con una “schitarrata” tra giovani, qui bisogna darsi da fare per affermare i nostri diritti e farlo con coraggio e forza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

”La Voce degli AVVOCATI”
si fregia del
patrocinio morale dell’Ordine Degli Avvocati di Roma.


Aforismi

L’uomo che non ha alcuna musica dentro di se’, che non si lascia commuovere dall’armonia di dolci suoni e’ nato per il tradimento, per gli inganni, per le rapine. I motivi del suo animo sono foschi come la notte, i suoi appetiti neri come l’Erebo.
Non vi fidate di un uomo siffatto
W. Shakespeare

 

Il poeta percepisce il mistero della persona umana e quindi il mistero universale, perche’ percepisce il mistero dei popoli, della loro vocazione e la loro missione storica, quindi tutto, perche’ percepisce nella distinzione delle Patrie il mistero dell’intera famiglia umana.
Giorgio La Pira

 

Democrazia
“O siamo capaci di sconfiggere le idee contrarie con la discussione, o dobbiamo lasciarle esprimere. Non e’ possibile sconfiggere le idee con la forza, perche’ questo blocca il libero sviluppo dell’intelligenza.”
Ernesto Che Guevara

 

EPITAFFIO A RAFFAELLO

“Ille hic est raphael timuit quo sospite vinc rerum magna perens et moriente mori”
(Pietro Bembo)

Qui giace Raffaello dal quale, lui vivente, la natura temette d’essere vinta e, lui morente, di morire anch’essa.

 

La calunnia
“Socrate e’ un criminale e un perditempo, che indaga su quello che sta in cielo e sottoterra, fa del discorso piu’ debole il piu’ forte e insegna lo stesso agli altri
(Apologia di Socrate)

 

La Bibbia
“Non crediate che io sia venuto a portare la pace sulla terra. Non sono venuto a portare la pace, ma la spada. Perche’ sono venuto a dividere il figlio dal padre, la figlia dalla madre, la nuora dalla suocera; e i nemici dell’uomo saranno i suoi famigliari.”
Matteo 10, 34-38

 

Contemporaneo
“Tutti i giorni lavoro, onestamente, per frodare la legge”
Toto’ (Principe Antonio De Curtis)

 

Ancora oggi
“La questione morale esiste da tempo, ma ormai essa e’ diventata la questione politica prima ed essenziale perche’ dalla sua soluzione dipende la ripresa di fiducia nelle istituzioni, la effettiva governabilita’ del paese e la tenuta del regime democratico.”
Enrico Berlinguer

 

Divina Commedia
“A l’alta fantasia qui manco’ possa;
ma gia’ volgeva il mio disio e ‘l velle,
si’ come rota ch’igualmente e’ mossa,
l’amor che move il sole e l’altre stelle.”
Pd. XXXIII, 142-145