• F. Gallo e M. Cappato (Ass Coscioni) “Sul diritto umano alla scienza l’Onu è vicina a un risultato storico. L’Italia si faccia sentire”
• L’ONU infatti sta per approvare un “Commento Generale” grazie al quale tutti gli stati membri saranno obbligati a rendere conto del rispetto della libertà di ricerca e del diritto a godere dei benefici della scienza.
• il 25 e 26 febbraio in Etiopia c’è il VI Congresso Mondiale per la Libertà di ricerca scientifica intitolato “Il diritto a godere dei benefici della scienza”.

A quattro anni da quando il Congresso dell’Associazione Luca Coscioni lanciò la campagna “per il diritto alla scienza”, l’ONU è ora vicina al risultato storico di approvare un “Commento generale sulla scienza” grazie al quale tutti gli Stati membri saranno obbligati a rendere conto del rispetto della libertà di ricerca e del diritto a godere dei benefici del progresso scientifico.
“L’Italia ha risposto all’invito dell’Associazione Luca Coscioni e Science for Democracy di insistere con il Comitato ONU per i diritti economici sociali e culturali affinché il ‘commento generale sulla scienza’ sia inquadrato come un vero e proprio ‘diritto alla scienza'” lo dicono Filomena Gallo e Marco Cappato segretaria di Ass. Luca Coscioni, che insieme a Science for Democracy “Diamo atto volentieri all’Italia di esser stato tra i pochissimi paesi a contribuire al Commento generale, auspichiamo che, una volta adottata la versione finale, si potranno continuare a suscitare collaborazioni per proteggere promuovere la scienza come un diritto umano in tutto il mondo, magari partendo dall’Africa dove il 25 e 26 febbraio organizziamo all’Unione Africana il VI Congresso Mondiale per la Liberta’ di Ricerca Scientifica.
Gli fa eco Marco Perduca, Consigliere Generale Associazione Luca Coscioni, Presidente di Science for Democracy, che con l’Associazione Luca Coscioni (di cui è Consigliere Generale) all’inizio di febbraio aveva scritto a tutti gli Stati membri dell’ONU chiedendo loro di inviare una richiesta formale al gruppo di esperti: “L’emergenza del Coronavirus ha appena dimostrato quanto sia importante fare affidamento sulla libera circolazione delle informazioni scientifiche, sugli investimenti adeguati nella ricerca scientifica e nelle strutture mediche, un sistema globale di coordinamento e intervento. Tutti questi sono aspetti del diritto alla scienza che, se pienamente rispettati, potrebbero rafforzare la democrazia e lo stato di diritto in tutto il mondo. Speriamo che il nostro Congresso di Addis fornisca alcune proposte concrete su come promuovere e proteggere meglio la scienza come un diritto umano.
Dal 2015 a oggi l’Associazione Luca Coscioni ha agito in ogni sede internazionale per sottolineare le implicazioni e le ripercussioni della scienza per il benessere e il benestare della società. Fin dalla sua fondazione nell’ottobre 2018, Science for Democracy ha rafforzato queste attività per sensibilizzare le istituzioni nazionali e internazionali affinché venissero tenuti in considerazione quanti più sviluppi scientifici possibile nella stesura del Commento. Negli ultimi quattro anni sono stati organizzati side-event alle Nazioni unite di Ginevra, New York e Vienna per promuovere, grazie al contributo di scienziati e giuristi, l’inclusione dei temi legati alla scienza nel discorso più ampio relativo ai diritti umani.

 APPROFONDIMENTO – IL VI CONGRESSO MONDIALE PER LA LIBERTA’ DI RICERCA SCIENTIFICA (Addis Abeba, Etiopia, 25-26 febbraio 2020), organizzato da Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica e Science for Democracy, insieme all’Unione Africana.
Il “diritto umano alla scienza” è contenuto nell’articolo 15 del Patto internazionale sui diritti economici, sociali e culturali, ma è come se non ci fosse. Con tutte le implicazioni che questa scelta porta a livello scientifico ma anche politico.
Marco Cappato, Filomena Gallo , lo scienziato Michele De Luca e Marco Perduca saranno fra i protagonisti di questo appuntamento di respiro globale insieme a personalità come Sir Richard John Roberts, PREMIO NOBEL PER LA MEDICINA, S.E. Sarah Mbi Enow Anyang, Commissaria per le Risorse Umane, Scienza e Tecnologia dell’Unione Africana; Abdi Adam Hoosow, Ministro dei lavori pubblici della Somalia; Dr Mahama Ouedraogo, Direttore Risorse Umane, Scienza e Tecnologia dell’Unione Africana; S.E. Sarah Mbi Enow Anyang, Commissaria per le Risorse Umane, Scienza e Tecnologia dell’Unione africana; Mikel Mancisidor, Professore Associato, Washington college of Law, co-redattore del Commento Generale sull’art. 15 del Patto ONU sui Diritti Economici, Sociali e Culturali (ESC), Comitato ONU per i diritti ESC.
IN PROGRAMMA SESSIONI SU:
• Sul “Diritto alla Scienza” le Nazioni Unite hanno recentemente pubblicato una bozza di Commento generale sulla scienza, volto a creare un obbligo di rendicontazione e valutazione dell’applicazione concreta di tale diritto umano da parte degli Stati membri delle Nazioni Unite.
• La Scienza per il Raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile
• I Benefici della Ricerca su Cellule Staminali ed Editing del Genoma per la Salute Umana
• I Benefici di Leggi Basate su Evidenza Scientifica per l’Avanzamento dei Diritti Sessuali e Riproduttivi
• I Benefici delle Nuove Tecniche di Coltivazione per un’Agricoltura Sostenibile
• I Benefici della Scienza Aperta, del Libero Accesso ai Dati e dell’Intelligenza Artificiale

Fabio Miceli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui