METODO E TECNICA SONO I VALORI ALLA BASE DEL MASTER YACHT DESIGN GESTITO DA POLI.DESIGN

Il 20 febbraio in Aula Castiglioni al Politecnico di Milano – Campus Bovisa si è tenuta la conferenza sugli ambiti sperimentali e applicativi dal mondo del foiling.

Costante aggiornamento e confronto diretto con le aziende e i professionisti del settore: sono i punti chiave alla base del Master Yacht Design del Politecnico di Milano, gestito da POLI.design, giunto alla sua XX edizione in partenza a febbraio 2021.

Più di 500 studenti, 20 riconoscimenti internazionali e oltre 200 aziende in contatto con l’università sono i numeri che distinguono il percorso formativo a livello internazionale.
Sono infatti 800 le ore annuali che, tra lezioni frontali, workshop, visite in cantiere e stage in azienda, permettono agli studenti di avere una visione a 360°, di aggiornarsi costantemente sulle tendenze di settore e relazionarsi con partner di fama mondiale, toccando con mano il mondo al di fuori dell’università.

“Foiling the future” è stata l’ennesima occasione per incontrare volti noti come Juan Kouyoumdjian e Patricia Izaguirre Alza, progettisti di numerosi progetti di successo tra cui il nuovo Club Swan 36, tra i primi progetti di barca foiler di produzione in serie, Horacio Carabelli di Luna Rossa Prada Pirelli Design Team, Simone Bartesaghi e Franco Lovato impegnati nella ottimizzazione di appendici foil dalle competizioni di Volvo Ocean Race al Kite Foiling, e tanti altri. Dalle esperienze di progettazione e costruzione dei foil arm AC75, al centro del dibattito con Gianni e Paola Cariboni di Cariboni srl e Edoardo Bianchi di Persico Marine, alla progettazione delle vele per nuovi carichi e modalità di conduzione con OneSails. Una giornata di approfondimento e dibattito sulle evoluzioni degli ultimi anni che si conclude con un round-table con i campioni della vela olimpica e di Foil Freestyling, organizzata grazie anche alla collaborazione con The Foiling Week e Atena.

È anche da questa forte vicinanza con il mondo del lavoro instaurata dal Master in Yacht Design che deriva il suo grande successo, confermato dall’elevato tasso di inserimento nel mondo del lavoro, con oltre il 90% di ex-studenti occupati nel settore della nautica, in cantieri italiani e stranieri tra cui: Sanlorenzo, Azimut | Benetti, Perini Navi, Feadship, Omega yacht, Ares Shipyard, Antalya, Turkey, Stand By Marijana Radovic, Montecarlo Yacht, Rossinavi, Slyder catamarans, Partner ship design, Luca Dini Design, Cantieri del Pardo, Mylius, Adria Sail, Dufur, Studio PYD Picco Yacht, Vismara Marine, Altman Marine, Palmer Johnson.

Il lancio della XX edizione del Master è prevista per febbraio 2021, con una Faculty altamente qualificata e un approccio didattico pensato per spaziare in ambiti disciplinari differenti, dall’ingegneria all’architettura e design, con l’obiettivo di fornire tutti gli strumenti per gestire il percorso progettuale e costruttivo di una imbarcazione, a vela e a motore, dal brief di progetto fino alla definizione dei piani generali, ai calcoli idrostatici e idrodinamici, all’allestimento degli interni, della coperta e delle attrezzature di bordo, alla dotazione impiantistica, alla produzione in cantiere e al controllo delle fasi esecutive.

Il Master, erogato in lingua inglese, ha la durata di un anno.
I posti disponibili sono 30.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui