(Roma, 25 marzo) – La delegazione sindacale Smi-Lazio, in sinergia con i propri iscritti, ha ottenuto con grande impegno una importate donazione dalla Cina: le prime 10.000 mascherine chirurgiche distribuite negli studi dei Medici di Famiglia dislocati in tutta la regione Lazio. Una risposta concreta alla grave mancanza di presidi medici che ha coinvolto i medici di medicina generale del territorio.
“La prima tranche di 10.000 mascherine è una goccia nel mare in questa grave emergenza, ma anche un forte segnale di aiuto a tutti i colleghi”, dichiara Cristina Patrizi, responsabile area convenzionata Smi-Lazio, che sottolinea: “Un aiuto tempestivo che si aggiunge all’iniziativa nazionale dello Smi: la Sottoscrizione per l’acquisto di dispositivi di protezione individuali (DPI) per i medici, prontamente attivata nei giorni scorsi”.
Quindi, Cristina Patrizi conclude: “Riteniamo di essere stati lasciati soli nell’emergenza Covid-19, senza protezioni né per noi medici, né per i nostri assistiti. Pertanto il nostro dovere è reagire, attivandoci tempestivamente per il bene dei nostri pazienti e del nostro sistema sanitario regionale”.

Ufficio Stampa Smi-Lazio

Elisabetta Menga

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui