Una ricerca dell’Imperial College individua le zone più a rischio a causa dei sistemi sanitari più deboli del mondo e degli alti livelli di povertà, aggravati dalla malnutrizione infantile e dalla malaria endemica. In Asia Meridionale e Africa Subsahariana la spesa media per la salute di una persona è rispettivamente di 16 e 17 dollari, contro gli 86 dollari a persona necessari per sostenere le prestazioni sanitarie di base

Un’azione rapida per contenere la diffusione del coronavirus potrebbe salvare almeno tre milioni di vite nell’Africa sub-sahariana e nell’Asia meridionale secondo una nuova ricerca dell’Imperial College[1], ma questa previsione sottostima il numero di vite in gioco, avverte Save the Children, l’Organizzazione che da oltre 100 anni lotta per salvare i bambini e garantire loro un futuro
La ricerca dell’Imperial College confronta diversi scenari per la risposta al Covid-19. Il primo prevedrebbe un’azione precoce e decisiva per testare e isolare i casi, promuovere il distanziamento sociale e trattare le popolazioni colpite. Tale risposta provocherebbe la morte di 800.000 persone. Una cifra enorme ma che con un’azione ritardata aumenterebbe a quasi quattro milioni di morti.
“Se agiamo ora e agiamo in modo deciso, possiamo prevenire e contenere la minaccia pandemica che affligge i paesi più poveri. Ogni colpevole ritardo avrebbe un costo di almeno tre milioni di vite in più e creerebbe anche nuovi rischi per tutto il mondo: questa non è una crisi che rispetta i confini. Ritardare la prevenzione e il contenimento nell’Asia meridionale e nell’Africa sub-sahariana non solo provocherebbe molte morti in quelle regioni, ma alimenterebbe potenzialmente la pandemia in Europa, Nord America e in altre aree. La mancata azione potrebbe portare a quasi un miliardo i casi di contagi dal coronavirus nell’Asia meridionale e nell’Africa sub-sahariana” ha dichiarato Inger Ashing, Direttrice Generale di Save the Children International.
Prevenire le trasmissioni attraverso l’allontanamento sociale in tutta la popolazione potrebbe ridurre il numero di decessi di circa un terzo, ma ciò potrebbe comunque portare a un collasso dei sistemi sanitari nei paesi a basso reddito, con un picco della domanda di letti di terapia intensiva 25 volte superiore ai numeri disponibili di posti.
I dati della London School of Hygiene & Tropical Medicine (2) confermano che la finestra di opportunità per contenere la crisi nei paesi più poveri si sta chiudendo. Attualmente, nessuno di questi paesi ha più di mille casi. Entro la fine di giugno, nessun paese ne avrà meno di 10.000.
I governi africani stanno già rispondendo all’epidemia di Covid-19, anche attraverso importanti campagne di sensibilizzazione pubblica e di risanamento, divieti di volo, blocchi e coprifuoco. Tuttavia, dato il rapido aumento dei casi confermati, Save the Children ritiene che occorra fare di più con il sostegno della comunità internazionale.
L’Africa sub-sahariana ha i sistemi sanitari più deboli del mondo e i più alti livelli di povertà. La metà della popolazione non ha accesso a solidi servizi sanitari. La malnutrizione infantile e adulta, unita alla malaria endemica, sono fattori di rischio che potrebbero portare a livelli più elevati di mortalità per il Covid-19 rispetto a quelli riscontrati nei paesi più ricchi.
Nella ricerca sull’impatto globale del Coronavirus, l’Imperial College ritiene che non vi siano differenze sostanziali tra lo stato di salute generale della popolazione cinese rispetto alle altre e la percentuale di diffusione della malattia in rapporto alla popolazione. Tuttavia, poiché un terzo dei bambini nell’Asia meridionale e nell’Africa sub-sahariana vivono di stenti e visto l’elevato carico di malattie infettive che bambini e adulti affrontano in quei paesi, è probabile che le popolazioni siano molto più vulnerabili. Inoltre, il modello utilizzato dall’Imperial College non considera sufficientemente il basso livello di assistenza medica in molti dei paesi più poveri.
Save the Children è attivamente coinvolta nel fornire assistenza sanitaria infantile e materna in molti dei paesi più poveri dell’Africa sub-sahariana e dell’Asia meridionale. In molti casi, questi sono paesi con sistemi sanitari che ancora lottano per dare l’immunizzazione universale. Milioni di bambini muoiono a causa dell’incapacità dei loro genitori di ricevere cure per malattie più diffuse come la malaria, la sepsi e la diarrea. La polmonite da sola uccide oltre 800.000 bambini, spesso a causa della mancanza di ’ossigeno medico.
Save the Children chiede la massima cooperazione internazionale per la definizione di un piano per portare aiuto in prima linea dove è disperatamente necessario, fondi globali per il recupero e la protezione, la centralità di famiglie e bambini, istruzione e apprendimento, nonché protezione dei più vulnerabili.
Il coronavirus sta già travolgendo i sistemi sanitari nei paesi più ricchi del mondo. Gli effetti saranno molto più gravi nei più poveri. La spesa per la salute pubblica è in media di soli 17 dollari a persona nell’Asia meridionale e 16 dollari nell’Africa sub-sahariana (Sudafrica escluso), molto meno degli 86 dollari a persona necessari per sostenere le prestazioni sanitarie di base[3].

Per ulteriori informazioni:
Tel. 06-48070023/63/81/82
ufficiostampa@savethechildren.org
www.savethechildren.it

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui