“La crisi può essere una vera benedizione per ogni persona e per ogni nazione, perché è proprio la crisi a portare progresso. La creatività nasce dall’angoscia, come il giorno nasce dalla notte oscura. È nella crisi che nasce l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie”.
Parole tratte da “La lettera su la crisi” che, in questo periodo di grande difficoltà per tutti, vedo pubblicata qua e là. Autore il grande Albert Einstein, che la inserì nel suo libro “Il mondo come lo vedo io” del 1937.
Aveva sicuramente ragione il grande scienziato. Sicuramente è così. Però, bisogna anche ammettere che è ben triste la condizione dell’uomo, se per progredire, inventare, creare, deve passare attraverso l’angoscia. Ben triste la condizione dell’uomo se per progredire, inventare, creare, deve veder soffrire e morire innocenti, bambini compresi, che neppure lo vedranno il progresso. Allora definire la crisi una vera benedizione, con tutto il rispetto per il grande, è un po’ un’esagerazione. Il male resta male, anche se da esso può scaturirne un bene. Una definizione inopportuna soprattutto per le vittime innocenti della crisi.
Renato Pierri

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui