Oltre 18.600 morti (COVID-19) nel bilancio delle vittime da Coronavirus in Iran secondo le fonti dei Mojahedin del Popolo Iraniano

L’Organizzazione dei Mojahedin del popolo iraniano (PMOI / MEK) ha annunciato venerdì 3 aprile 2020 che il bilancio delle vittime di Coronavirus in 242 città dell’Iran supera i 18.600. Il numero delle vittime a Qom è 1.720, Isfahan 1585, Gilan 1.510, Khorasan Razavi 1300, Golestan 810, Khuzestan 720, Lorestan 473, Kermanshah 435, Hamadan 405, West Azerbaijan 375, Fars 285, Kurdistan 285, Qazvin 275, Province Central 265 , East Azerbaijan 215, Kerman 200, Chaharmahal e Bakhtiari 60 e South Khorasan 40.

Ali Akbar Haghdoost, capo del comitato di epidemiologia del Coronavirus, ha dichiarato: “Questi sondaggi non sono la cifra reale dei decessi. Alcuni potrebbero non essere stati testati (per Coronavirus) ed essere stati registrati deceduti per altri motivi. Ammettiamo che non siamo stati in grado di registrare tutte queste morti. Non possiamo essere definitivi sulle cifre. “

Oltre alla criminale reticenza, l’incapacità e le decisioni contraddittorie dei leader del regime hanno permesso la diffusione del virus e aumentato il numero delle vittime. Oggi, in una lettera aperta ad Hassan Rouhani, Saeed Namaki, il ministro della Salute del regime ha scritto: “Recentemente, senza avvisare la task force nazionale anti-coronavirus, è stata inviata inviata una lettera aperta a tutte le province dal Vice Ministro dell’industria, delle miniere e del commercio, praticamente una linea guida per la riapertura di tutte le imprese e i centri commerciali e in contraddizione con il ruolo e le responsabilità del Comitato. Pur essendo fermamente convinto che io, il Ministro dell’Interno e altri colleghi stiamo cercando di ridurre il più possibile gli effetti epidemiologici del Coronavirus sulla debole economia del Paese, qualsiasi decisione arbitraria da parte di istituzioni governative, non governative, culturali, religiose e di altro genere si ripercuoterà rapidamente sul sistema sanitario del paese e, di conseguenza, influenzerà ulteriormente l’economia a lungo raggio “.

Per un altro motivo, Alireza Zali, capo della task force di combattimento del Coronavirus a Teheran, ha affermato che non abbiamo ancora raggiunto la sostenibilità nel controllo della diffusione del virus a Teheran. Le persone devono rimanere a casa e i funzionari devono prendere le giuste decisioni entro i limiti di quella strategia. “

Mentre Zarif e altri diplomatici terroristi e agenti e mercenari del regime all’estero danno la colpa alle sanzioni e  adducono la mancanza di denaro come motivo per l’espansione del Coronavirus; ieri Hassan Rouhani ha dichiarato: “Non avremo problemi nei prossimi mesi. Non avremo problemi a rifornire di valuta estera fino alla fine dell’anno … Oggi ci sono circa 4 milioni di tonnellate di beni di base nelle nostre dogane, in attesa di entrare nel nostro paese nei prossimi giorni.”

Nel frattempo, secondo l’agenzia di stampa statale Borna, un membro della Commissione dei mercati monetari e dei capitali della Camera di commercio di Teheran ha dichiarato: “pagare le tasse ad istituzioni quali l’ Astan Quds Razavi,” il quartier generale esecutivo della direttiva dell’Imam Khomeini “e la “Foundation for the Underprivileged” (Bonyad Mostazafan) è il modo migliore per compensare il deficit del governo, dovuto allo scoppio del Coronavirus. “

Vale la pena notare che queste istituzioni sono interamente sotto il controllo del leader supremo Ali Khamenei e sono esenti da qualsiasi audit e/o tasse.

Segreteria del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana (NCRI)

5 aprile 2020

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui