·         All’inizio della rivoluzione avevamo giovani che erano musulmani… Sono stati reclutati dal PMOI/MEK… e si sono uniti a loro.

·         Espandere il fronte rivoluzionario. Reclutare… ma non voglio dire attirare il PMOI. Non dico di compiacere quelli che non accettano i fondamenti della rivoluzione. Affrontateli apertamente e con durezza.

 ·         Non permettete alle vostre proteste di somigliare a quelle contro lo Stato Islamico. Se smettete di fare richieste, altri possono appropriarsi di quelle richieste per combattere l’Islam e il sistema islamico. Questo non deve accadere.

·         Io credo in un governo giovane ed Hezbollah che guidi il paese in questi momenti difficili… alcuni restano giovani anche da grandi, come Soleimani, a cui penso giorno e notte.

In una video conferenza con un gruppo scelto di mercenari Basij fatti passare per studenti, il leader supremo del regime, Ali Khamenei, ha espresso i suoi timori per lo scoppio di rivolte e proteste popolari, e per il crescente sostegno all’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo Iraniano (PMOI/MEK) e alle Unità di Resistenza.

“Non permettete che le vostre proteste vengano viste come proteste contro il sistema islamico. Il nemico aspetta questo. A volte si può presumere che stiate protestando per questioni come la borsa e la Pride (un marchio di automobili di produzione locale), ma a seconda del modo in cui protestate, il nemico considera o presuppone che sia una protesta contro il sistema. Voi dovete assolutamente impedire che questo avvenga e non dovete concedere al nemico l’opportunità di fare simili supposizioni a causa della vostra protesta oppure che altri considerino questa una protesta contro il sistema”, ha detto Khamenei aggiungendo: “Sarebbe bene che voi foste in prima linea con le vostre richieste. Se voi smettete di primeggiare in questa situazione, altri possono guidare quelli il cui scopo non è quello di risolvere le difficoltà del popolo, ma che mirano a combattere l’Islam e la Repubblica Islamica. Non permettetelo. In altre parole, questo non deve accadere”.

Khamenei ha riconosciuto il disprezzo espresso dagli studenti nei confronti dei funzionari del regime nelle università e ha detto: “A volte questi funzionari vengono nelle università o vanno alle riunioni degli studenti  per impegnarsi in un dialogo, ma vengono derisi… Io ho ripetutamente consigliato a questi funzionari di andare a parlare con gli studenti nelle università, per istruirli. Loro dicono che ci vanno, ma che gli studenti non sono interessati a capire e a chiarire le varie questioni, ma che il loro scopo è quello di sminuirli.

Per questo motivo i funzionari non ci vanno… Io vi chiedo di non ostacolare questa atmosfera di dialogo. Quando ci sono insulti e calunnie, il dialogo si blocca. Non lasciate che questo avvenga”.

Terrorizzato dall’entusiasmo dimostrato dai giovani nei confronti del MEK, Khamenei ha detto: “I luoghi in cui si raccolgono i giovani, come le università, sono l’obbiettivo di due grossi mali: la passività e la devianza. Nei primi giorni della rivoluzione, avevamo giovani che credevano nell’Islam… Sono stati attratti dal MEK ed hanno seguito la sua via”. Con un’affermazione chiaramente mirata alla repressione del MEK e dei dissidenti, Khamenei ha aggiunto: “Espandete il fronte rivoluzionario. Reclutate… ovviamente non intendo il MEK, i non credenti… Non raccomando di compiacere coloro che non accettano i fondamenti della rivoluzione, che seminano dubbi sui suoi fondamenti, che appoggiano il nemico e ci mettono sulla via sbagliata. Niente affatto. Voi dovete affrontarli apertamente e con durezza… Loro (i nemici), lavorano sui nostri giovani e cercano di sfruttarli. È questo che stanno progettando”.

Khamenei ha aggiunto: “Io credo in un governo giovane dedito ai valori Hezbollah (dell’Islam reazionario), che possa guidare il paese attraverso momenti difficili… Con giovane non voglio dire che dobbiamo avere un trentaduenne a capo del governo, no, ma qualcuno che sia giovane nello stesso senso anche in età più avanzata, come Qassem Soleimani, a cui penso giorno e notte. Lui aveva sessant’anni, non era giovanissimo, ma se fosse sopravvissuto altri dieci anni e se io fossi stato ancora vivo, lo avrei lasciato al suo posto (comandante della forza Quds)”.

Allo stesso tempo Khamenei ha ammesso il collasso all’interno dei ranghi del regime dicendo: “Alcuni si sono dimostrati deboli nel loro credo e, purtroppo, hanno abbandonato o si sono ritrovati pieni di rimorsi. Uno dei problemi dalla nostra rivoluzione è rappresentato da queste persone piene di rimorsi, che ad un certo punto erano dei rivoluzionari e ora se ne rammaricano”.

Per smorzare la rabbia popolare suscitata dal saccheggio e dallo spreco delle ricchezze del paese da parte di aziende e fondazioni sotto il suo controllo, Khamenei ha detto: “Si nominano le organizzazioni legate alla leadership. Devo precisare che credo voi non siate al corrente di molti dei loro servizi”. Le “organizzazioni” a cui si riferisce sono le conglomerate e i cartelli che hanno saccheggiato centinaia di miliardi di dollari di ricchezza del popolo iraniano. Il 7 Marzo 2020 il leader della Resistenza Iraniana, Massoud Rajavi, ha dichiarato che il patrimonio di queste fondazioni e cartelli deve essere utilizzato per aiutare il popolo nella lotta al Coronavirus. Questo appello ha suscitato l’enorme appoggio del popolo iraniano.

Contemporaneamente il sito web Erja news, affiliato a Khamenei, ha scritto: “Per due anni abbiamo visto il MEK riattivare le sue cellule dormienti una dopo l’altra, chiamandole Unità di Resistenza. A loro vengono assegnate operazioni di sabotaggio dal comando centrale. Persino dopo la repressione delle proteste di Novembre il leader dei Mojahedin (Massoud Rajavi) ha inviato un messaggio: ‘La strategia trionfante dell’Esercito di Liberazione è stata dimostrata nelle Unità di Resistenza, nei distretti e nelle città’. E non è senza ragione che Sua Eminenza (Khamenei) ha ripetutamente messo in guardia contro il pericolo di un nemico insidioso negli ultimi due anni e che abbia chiesto ai Basiji di tenersi pronti in ogni città e in ogni distretto, ordinando a tutto il sistema di prepararsi ad affrontare il nemico che vuole il suo rovesciamento”.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza iraniana

18 Maggio 2020

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui