Il viaggio verso la chiarezza intrapreso da MoliseNoblesse. Giovedì 28 maggio alle 15

SOMMARIO

La speranza, guida per la città di luce. I giovani di Molise Noblesse, capitanati dalla Ceo Mina Cappussi e coadiuvati dalla Commissione Youth di Filitalia Chapter Bojano, vogliono fare spazio alla positività in questo clima cupo. Il tema del mese per il Cineforum conclusivo di maggio è “La Speranza”, ciò che ci permette di trovare nuovi equilibri e schiarire le nostre menti. L’appuntamento con il Cineforum Covid Time è per giovedì 28 maggio 2020 alle ore 15.00 con “Ember – il mistero della città di luce”. Prendi parte all’evento Facebook, pagina Molise Noblesse, gli organizzatori provvederanno ad aggiungere tutti i partecipanti in chat su Skype

Ember – il mistero della città di luce al Cineforum Umdi Covid Time. “Nel giorno in cui finì il mondo il destino dell’umanità venne racchiuso in una piccola cassetta di metallo. In un luogo segreto si riunirono architetti, scienziati, ingegneri, giungendo alla conclusione che una sola sarebbe stata la speranza per il nostro futuro”. Con queste parole inizia Ember e da esse i ragazzi di Molise Noblesse hanno tratto un importante insegnamento in questo momento di crisi dovuto alla pandemia da Coronavirus. Speranza, collaborazione, determinazione, fiducia, sono i lasciapassare per il nostro futuro. Per ribadire questo pensiero, i giovani Molise Noblesse, coadiuvati dalla Commissione Youth Filitalia Chapter Bojano, presentano Ember al Cineforum Umdi Place of Ideas Covid Time il 28 maggio alle 15.00. Il dibattito sarà in presenza per gli organizzatori e in Conference Call su Skype per quanti parteciperanno in Italia e dall’estero. Per l’ultimo appuntamento del mese, il tema ribadito è La Speranza, definita dai ragazzi stessi come il motore del mondo. In questo periodo di profonda inquietudine ed incertezza, non ci resta altro rifugio che la speranza. Quello che i giovani di Molise Noblesse, Movimento per la Grande Bellezza MMXX, vogliono trasmettere è che ci sarà sempre un futuro migliore in cui credere e sperare, ma soprattutto un futuro per cui adoperarci. L’impulso alla cooperazione deve partire da noi, e nel loro piccolo la Commissione Youth di Filitalia Chapter Bojano e il Movimento per la Grande Bellezza ci stanno provando. Inoltre, per quest’appuntamento ci saranno anche ospiti d’oltreoceano, infatti, i ragazzi si collegheranno in conferenza con la sezione principale di Filitalia a Philadelphia per affrontare i temi del dibattito, considerando diversi punti di vista. Ilaria Sabbatino, collaboratrice di Molise Noblesse, entusiasta dell’iniziativa spiega: “Cambiare le cose non è semplice, stravolgere la mentalità negativa contro cui molte persone si sono trovate costrette a combattere in seguito all’emergenza Covid, lo è ancor meno. Noi di Molise Noblesse, nel nostro piccolo, ci stiamo provando. L’obiettivo dell’appuntamento settimanale con il Cineforum è quello di portare una nota di positività”.

Miriana, la nostra città di luce

“Abbiamo scelto Ember – il mistero della città di luce perché è pieno di speranza e determinazione, quella che i due protagonisti hanno nel cercare un modo per salvare il mondo – chiarisce Miriana Meffe, volontaria di Servizio Civile – Attraverso la collaborazione, i due ragazzi riescono ad uscire da situazioni pericolose per il genere umano. Il parallelismo con la condizione che stiamo vivendo è inevitabile, sebbene fortunatamente non è più una questione di vita o di morte. Nel momento esatto in cui abbiamo conosciuto questo film, abbiamo deciso che sarebbe stato al centro di un Cineforum per farlo conoscere a quante più persone possibile. Attraverso la determinazione, la forza, il coraggio, la determinazione, ma soprattutto la speranza, siamo certi che possiamo risollevare il nostro animo”.

La speranza, guida alla città di luce

La speranza ci spingerà a trovare una strada per uscire da questo momento, sarà la guida verso la nostra città di luce. Il Cineforum Umdi Place of Ideas Covid Time in Conference Call su Skype torna giovedì 28 maggio alle 15.00 con “Ember – il mistero della città di luce”. “L’esperimento socio-culturale in videoconferenza su Skype sta riuscendo – fanno sapere i ragazzi di Molise Noblesse – e stiamo ottenendo un numero sempre maggiore di consensi”. Il dibattito è regolarmente aperto a tutti, seppur a distanza. Per aderire è necessario visionare l’evento su Facebook, pagina Molise Noblesse, e partecipare. Gli organizzatori provvederanno ad aggiungere tutti i partecipanti in chat su Skype.

Eventi riorganizzati, MoliseNoblesse non si ferma!

In seguito all’emergenza Coronavirus, anche il progetto Molise Noblesse per cause di forza maggiore ha subito uno stop. I ragazzi, entusiasti del progetto, anche se non si sono mai fermati lavorando in modalità smart-working, non vedevano l’ora di riprendere e, dopo il via libera, sono immediatamente tornati a stare insieme, mantenendo le distanze di sicurezza. Gli eventi saranno riorganizzati e, grazie ai meravigliosi e ampi spazi verdi presenti sul territorio, si svolgeranno in gran parte all’aperto. Le conferenze con gli Italiani nel mondo, in particolare con Filitalia, fondata dal dr. Nestico, saranno presenti nel corso di quest’anno lavorativo e saranno numerose.

Cos’è MoliseNoblesse

“Molise Noblesse – spiega Mina Cappussi, direttore del quotidiano internazionale UMDI Un Mondo d’Italiani e Ceo dell’iniziativa – non è solo il titolo di un progetto, è piuttosto una filosofia di vita, è un principio, una linea di pensiero, una condotta. Un credo, una bandiera, una medaglia apposta sul petto di chi torna ad inorgoglirsi della terra dei Padri Sanniti. Perché Molise Noblesse è diventato oggi un “modo di essere”, un brand, un logo, un marchio, un sito, un riferimento su centinaia di eventi e di appuntamenti organizzati da Centro Studi Agorà UMDI.Per scalfire il rumore suscitato dal ritornello “Il Molise non esiste” bisognava fare altrettanto, e forse ancora più “rumore”. E noi l’abbiamo fatto, contando sulla forza e la buona volontà dei giovani molisani, intercettando le speranze e i sogni di chi non vorrebbe mai lasciare questa terra, e parallelamente toccando con mano la disperazione di chi è consapevole della mancanza di opportunità per poter restare. Noi abbiamo seminato e andremo avanti senza tentennamenti, ora sta alle istituzioni scegliere se proseguire su questa strada!”

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui