Nella grande rivolta del novembre 2019, i mullah hanno visto chiaramente che il loro regime è intrappolato in un vortice di distruzione e che non hanno opzioni per salvarlo dall’inevitabile rovesciamento.

Pertanto, diverse settimane dopo che la pandemia di COVID-19 si è diffusa rapidamente in tutto il Paese a causa delle loro politiche disumane, i mullah hanno tentato di nascondere il malcontento sotto le ceneri con una fitta censura sula crisi del coronavirus. Hanno cercato di estinguere le fiamme ardenti della rivolta di novembre, con tutti i suoi 1.500 orgogliosi martiri. Volevano infondere l’impressione che la ribellione sociale, che si diffuse rapidamente in centinaia di aree in tutto il Paese, non fosse mai nemmeno accaduta.

Con lo scoppio della pandemia, i mullah si sono trovati in una posizione estremamente critica. Come notato dalla stampa statale, hanno visto chiaramente che “il minimo errore di calcolo nella gestione della malattia” comporterebbe una catastrofe esistenziale ed essi sarebbero – e saranno – i più grandi perdenti della crisi.

Sì, il leader supremo dei mullah vede l’eruzione della rabbia e della rivolta del popolo all’orizzonte.

Quindi, invece di combattere il coronavirus, la priorità assoluta per Khamenei e per (il suo presidente Hassan) Rouhani è divenuta la sicurezza del regime.

Si sono rifiutati di stanziare il budget minimo necessario per il trattamento dei pazienti, al fine di evitare una benché minima riduzione del piatto finanziario che è stato assegnato alla repressione all’interno dell’Iran, nonché agli interventi bellici e alla commissione di altri crimini nella regione.

Si sono rifiutati di utilizzare le risorse e l’equipaggiamento del Corpo della Guardia Rivoluzionaria Islamica (IRGC) e dell’Esercito per il trattamento dei pazienti, in modo da poter avere tutte le risorse a portata di mano per preservare la sicurezza del regime.

Hanno evitato di usare anche un centesimo della ricchezza accumulata nel Setad (o conglomerato del quartier generale) di Khamenei o in altre fondazioni predatorie per combattere la pandemia.

Invece, hanno aumentato i prezzi delle merci e dei generi alimentari, come il pane. E hanno spianato la strada al picco del valore delle valute estere al fine di reintegrare le casse di un governo in bancarotta.

In effetti, quando si è optato per una scelta tra l’utilizzo di riserve in valuta estera e altre fonti finanziarie per evitare un collasso economico da un lato e l’invio di persone sfavorite e laboriose ai centri di produzione dall’altro, i leader del regime hanno scelto quest’ultima opzione e quindi causato un’ulteriore diffusione della malattia.

E, come se ciò non bastasse, hanno incolpato e rimproverato senza vergogna la popolazione stessa per la tragedia del coronavirus.

Oggi la provincia del Khuzestan si è trasformata in un campo di uccisioni per il coronavirus. A metà maggio, oltre 1.000 pazienti COVID-19 hanno perso la vita in questa provincia, dimostrando solo un risultato della politica disumana del regime. Le autorità del regime clericale ammettono apertamente che la forte crescita del numero di infezioni è iniziata l’11 aprile, quando il regime ha ordinato una riapertura.

In realtà, Khamenei vuole usare la crisi del coronavirus come parametro per lui benefico per prolungare la sopravvivenza del regime.

Per questo motivo, i mullah hanno cercato di nascondere la realtà dell’enorme movimento di protesta in espansione; hanno cercato di nascondere il crescente impatto delle Unità di Resistenza e dei Consigli di Resistenza dell’OMPI / MEK all’interno dell’Iran, e hanno cercato di negare che il regime sta scendendo sulla strada irreversibile che porta al suo rovesciamento.

La paura senza fine del regime per l’OMPI e per la Resistenza iraniana

Per raggiungere questi obiettivi, i mullah hanno condotto una catena di attività e di offensive in varie arene. Per esempio:

– hanno lanciato attacchi missilistici contro forze e strutture statunitensi in Iraq;

– hanno lanciato un satellite nello spazio; e

– hanno lanciato attacchi e compiuto arresti su larga scala di giovani ribelli, familiari e sostenitori dell’OMPI / MEK e li hanno torturati severamente.

– Hanno inviato i loro mercenari in Albania, con un elenco di 8.000 firme di cosiddette ‘famiglie di membri dell’OMPI / MEK’, che, nel mezzo della pandemia e delle misure di allontanamento sociale, affermano di avere perso i loro parenti ad Ashraf 3.

Il motto dei sostenitori arretrati di questo circo in Paesi stranieri è “Lunga vita allo scià”, lo stesso slogan cantato durante il colpo di Stato del 1953 (contro il dottor Mohammad Mossadeq) – cosa che è un affronto alla storia e alla rivoluzione del popolo iraniano. È un affronto a milioni di persone che hanno rovesciato la dittatura monarchica con lo slogan “Morte allo scià” e liberato i prigionieri politici.

L’ideologia reazionaria e ignorante dei mullah risale a 1.400 anni fa, ma il popolo iraniano ha una storia più lunga di migliaia di anni, fin dai tempi in cui Kaveh il fabbro insorse contro Zahhak, il tiranno che aveva serpenti sulle spalle.

Lo stesso vale oggi. La realtà delle rivolte popolari e della resistenza non può essere negata, così come la fase finale della vita del regime è una realtà formidabile.

Le osservazioni di Khamenei il 22 maggio, e già prima il 17 maggio riflettono questa verità e la paura infinita del regime nei confronti dell’OMPI / MEK e della Resistenza iraniana.

Il 17 maggio, Khamenei ha ammesso che il regime non è stato in grado di sfruttare l’epidemia a proprio vantaggio e come opportunità per prolungare la sua sopravvivenza. Pertanto, ha attaccato l’OMPI / MEK, chiedendo che un giovane governo Hezbollah seguisse le orme di uno sgherro come Qassem Soleimani.

Khamenei dice che qualsiasi forma di ripiegamento sarebbe troppo costosa per il regime. Questo perché ha l’esperienza della caduta dello Shah.

Khamenei ha ricordato il gran numero di giovani che si unirono ai ranghi dell’OMPI / MEK dopo la rivoluzione del 1979. Ha voluto focalizzare l’attenzione dei suoi mercenari sulla grande minaccia che attanaglia il regime nella situazione attuale, vale a dire l’attrazione dei giovani verso l’OMPI / MEK e le Unità di Resistenza.

Ha esortato le forze del regime a tracciare una solida linea rossa tra loro e i sostenitori dell’OMPI / MEK e a forgiare un fronte contro di loro. Ha detto: “Fate tutto il possibile per espandere i ranghi [del regime] e reclutare”, aggiungendo: “Certo, non intendo reclutare ipocriti [OMPI / MEK]”. Sì, il nome più pericoloso è ancora OMPI / MEK e l’unica linea rossa continua a essere tracciata contro l’OMPI / MEK.

Khamenei ha quindi avvertito le forze del regime che devono stare attente all’inevitabile orientamento di proteste e rivolte verso il rovesciamento del regime, aggiungendo: “Non permettete che le richieste e le proteste vengano interpretate come una protesta contro il sistema islamico. Questo è importante. […] Impedite seriamente che ciò accada”.

Ciò che ha detto il tiranno del regime rappresenta un momento politico spartiacque. Inizialmente, egli voleva sfruttare la situazione derivante dalla diffusione del coronavirus come mezzo per evitare il rovesciamento del regime. Ora, ha esposto la discordia e le divisioni al timone del regime e sta esortando le giovani generazioni a non sostenere l’OMPI / MEK.

Naturalmente, lo stesso Khamenei aveva dichiarato esplicitamente dopo la rivolta del novembre 2019 che le proteste avevano comportato un maggior rischio per la sicurezza a causa della presenza dell’OMPI / MEK e dell’istituzione di Ashraf 3 (in Albania). Affermò che diversi giorni prima dello scoppio delle proteste contro l’impennata dei prezzi della benzina, nel novembre 2019, l’OMPI / MEK aveva incontrato un funzionario americano in quel “piccolo ma sinistro, e veramente malvagio, Paese europeo” ed essi avevano pianificato le proteste. Secondo Khamenei, tale piano fu attuato diversi giorni dopo durante le proteste per il prezzo della benzina. Aggiunse: “ciò che intendo dicendo ‘diversi giorni’ […] è che il piano è stato aggiornato in diversi giorni”, poiché “avevano già svolto attività prima e avevano preparato le persone sul campo”.

30 miliardi di dollari della ricchezza del popolo iraniano spesi per sostenere il dittatore della Siria

Venerdì 22 maggio, l’ultimo venerdì del mese di Ramadan, quando il regime è stato costretto a scartare i suoi piani per allestire l’impopolare messa in scena del “Qods Day”, Khamenei si è spostato sulla questione palestinese e ha proceduto con lo scatenare un’ondata di calunnie e critiche contro il defunto leader storico della Palestina, Yasser Arafat – cosa che in realtà è un distintivo d’onore e un’ulteriore testimonianza dell’integrità e dell’orgoglio di Arafat. Il criminale leader supremo del regime ha elogiato Hezbollah e Hamas in opposizione ad Arafat e ha dichiarato apertamente di avere elaborato piani per consegnare armi a Hezbollah e Hamas.

Questo mentre il popolo iraniano canta: “Non per Gaza, né per il Libano, sacrifico la mia vita per l’Iran”.

Proprio di recente, l’ex presidente del Comitato parlamentare del regime per la Sicurezza e la Politica Estera ha confessato che finora 30 miliardi di dollari della ricchezza del popolo iraniano sono stati spesi per sostenere il dittatore omicida della Siria e che il regime intasca circa 200 miliardi di toman (circa 11,5 milioni di dollari) ogni giorno come risultato dell’aumento dei prezzi della benzina. Questo è il denaro macchiato di sangue che è stato preso dal regime uccidendo i manifestanti iraniani (nel novembre 2019).

Quando il numero di morti a seguito del coronavirus aveva appena raggiunto i 2.000, nella sua dichiarazione del 7 marzo 2020 il leader della Resistenza iraniana Massoud Rajavi dichiarò: “Khamenei deve stanziare i 100 miliardi di dollari di patrimonio del ‘Setad-e Ejraee Farman-e Imam’ e i vasti fondi accumulati nelle cooperative appartenenti a IRGC, Bassij e Forze di Sicurezza dello Stato (SSF), e nella Fondazione Mostazafan, nonché i fondi che vengono spesi in Iraq, Siria, Yemen, Gaza e Libano, per fornire assistenza sanitaria al popolo iraniano e per il trattamento dei pazienti”.

Ha affermato: “I budget assegnati ai programmi nucleari e missilistici del regime e il capitale e le risorse nelle mani della Mezzaluna Rossa, che ha creato numerose sedi in Medio Oriente e Africa per far avanzare l’ideologia reazionaria e gli obiettivi terroristici del regime, devono invece essere spesi per il trattamento dei pazienti con coronavirus. I beni della fondazione Astan-e Qods Razavi nella provincia di Khorasan, che ha accumulato enormi ricchezze e capitali sfruttando il nome di Imam Reza e ottenendo dotazioni religiose astronomiche, e che è controllata da Khamenei, possono attualmente pagare i salari e gli stipendi arretrati di lavoratori, insegnanti e impiegati alla vigilia del Capodanno [persiano], e possono anche pagare per il loro trattamento”.

Ha aggiunto: “I prigionieri, in particolare i prigionieri politici, devono essere immediatamente rilasciati. Questo è l’unico modo per prevenire una catastrofe da coronavirus nelle carceri del regime”.

Le Unità di Resistenza, in grado di rovesciare il regime, hanno esaurito il nemico

Oggi, dopo due mesi e mezzo e rispetto alle statistiche dei primi di marzo, il numero di decessi per coronavirus è 22 volte maggiore. È incommensurabilmente triste che il numero abbia superato i 44.000. Alcuni osservatori ritengono che le cifre reali siano molto più elevate.

Qui è dove si possono vedere il destino finale del regime e la via da seguire.

Oggi, tutte le cause e i fattori che hanno scatenato la grande rivolta del novembre 2019 non solo sono ancora in atto, ma sono stati notevolmente aggravati dalla catastrofe del coronavirus e dalla disumana risposta politica dei mullah.

L’economia si sta contraendo del 9%, il tasso di inflazione varia dal 50% al 60%, il bilancio del governo ha un deficit del 50% e la tendenza alla svalutazione della valuta nazionale continua, con il regime che ne taglia quattro zeri. Tutto ciò indica che l’economia del regime è sull’orlo del collasso.

Oggi, non solo l’erosione del regime non è stata invertita, ma, sotto la pressione delle proteste sociali e dei fallimenti politici ed economici, l’intero regime è stato reso debole e impotente. La metà del governo di Rouhani è essenzialmente non operativa. I portavoce e i funzionari del regime non possono fare altro che mentire. Le istituzioni del regime sono impegnate in lotte interne e litigi e Khamenei sta preparando il terreno per abbattere il governo di Rouhani.

Oggi, non solo la forza in grado di rovesciare il regime non è stata fermata nemmeno dopo essere stata sottoposta a numerosi arresti e altre misure repressive, ma si è piuttosto moltiplicata tra le generazioni più giovani e il suo spirito combattivo mostrato nelle Unità di Resistenza ha esaurito il nemico.

Sì, i mullah non sono riusciti a sfruttare la situazione del coronavirus e la povertà e l’indigenza della popolazione per nascondere il fatto che sono sul punto di essere rovesciati.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui