Iran: Il ministro degli Interni dei mullah copre crimini contro l’umanità, ha tentato disperatamente di minimizzare il numero dei martiri della rivolta di novembre

Ammettendo la chiusura di Internet e le enormi dimensioni della rivolta, Rahmani-Fazli dice: “Volevano trasformare questo in una guerra civile e seguire la tabella di marcia della Siria”

Alla fine, dopo sette mesi, il ministro degli Interni dei mullah ha ammesso l’uccisione di 200 persone durante la rivolta di novembre, sostenendo che 40 o 45 persone, o circa il 20% di loro, erano state uccise da armi non standard

Sette mesi dopo la rivolta del novembre 2019, mentre cercava di minimizzare il numero delle vittime al 10 percento della cifra reale, Abdolreza Rahmani-Fazli, ministro degli Interni di Rouhani, ha ammesso ieri sera che oltre 200 manifestanti erano stati uccisi. Tuttavia, terrorizzato da un contraccolpo, ha incredibilmente asserito che il 20% delle vittime erano state uccise da armi non standard, insinuando che le avevano uccise gli oppositori del regime. Tuttavia, Rahmani ha involontariamente ammesso che il regime ha ucciso oltre l’80% delle vittime.

In un’intervista alla televisione statale il 30 maggio 2020, Rahmani-Fazli ha detto: “Loro [i nemici] hanno annunciato che 10.000 persone sono state uccise, che ne sono state uccise 8.000, 7.000, 6.000. Hanno persino detto 2.000. A Dio piacendo, comunicheremo le cifre nei prossimi giorni. Il numero delle vittime non è affatto in quella fascia. Voglio dire che il 20 percento del bilancio delle vittime, tra 40 e 45 persone, sono state registrate come martiri. Erano innocenti e si trovavano per caso in strada e furono uccisi da armi e da tattiche tali che nessuna di esse è impiegata dalla Forza di Sicurezza dello Stato o da altre agenzie governative”.

Riconoscendo l’interruzione di Internet, il ministro degli Interni del regime ha evidenziato le dimensioni di massa delle proteste di novembre: “Dicono che Rahmani ha interrotto Internet durante quelle notti. Certo, l’ho fatto perché fornivano addestramento e comandavano il campo via Internet […] Il motivo per cui sono sconvolti è che volevano iniziare una guerra civile. Per diversi mesi, noi, come dirigenti della sicurezza del Paese, li abbiamo monitorati […] Il prezzo della benzina ha offerto un’opportunità per far esplodere questo […] Se ci fossero stati una dimensione e un contesto sociale vasti, sarebbe stato molto peggio […] Volevano sconvolgere il Paese e causare insicurezza, trasformarlo in un’altra Siria […] Il mantenimento della sicurezza è importante per tutti noi, ed è la base di tutte le attività”.

Come riportato dal quotidiano Etemad il 17 dicembre 2019, Rahmani Fazli è lo stesso criminale che, quando un deputato del ‘parlamento’ del regime lo scorso dicembre gli ha detto “Due persone nella mia circoscrizione sono state sparate alla testa. Non era possibile, almeno, sparare loro nelle parti inferiori del corpo?”, ha risposto sfacciatamente: “Beh, sono stati sparati anche dei colpi contro i loro piedi!”.

L’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo dell’Iran (OMPI / MEK) il 15 dicembre 2019 ha annunciato per la prima volta che il numero di martiri nell’insurrezione di novembre aveva superato i 1.500 e ha pubblicato i nomi di 765 di quei martiri. Otto giorni dopo, il 23 dicembre, l’agenzia Reuters ha riportato che tre funzionari del Ministero degli Interni iraniano avevano affermato: “Circa 1.500 persone sono state uccise durante meno di due settimane di disordini iniziati il 15 novembre”. La Reuters ha precisato: “I dati forniti alla Reuters, hanno affermato due dei funzionari iraniani che li hanno forniti, si basano su informazioni raccolte dalle forze di sicurezza, dagli obitori, dagli ospedali e dagli uffici del medico legale”.

Le osservazioni di Rahmani-Fazli della notte scorsa secondo cui il numero dei martiri dell’insurrezione di novembre sarebbe stato annunciato nei prossimi giorni sono la continuazione di un modo di procedere scandaloso di funzionari del regime che si incolpano l’un l’altro, cosa che riflette la loro paura per le conseguenze degli omicidi di massa e dei crimini contro l’umanità durante la rivolta di novembre.

Il 15 febbraio, Hassan Rouhani, in risposta a una domanda sul numero di persone uccise nelle rivolte di novembre, ha detto che le cifre erano disponibili per l’ufficio nazionale di medicina legale, e potrebbero essere annunciate. Successivamente, il capo dell’organizzazione di medicina legale del Paese ha comunicato che, secondo la decisione del Consiglio di Sicurezza Nazionale, il governo deve pubblicare queste cifre. Cinque giorni dopo, Ali Rabeie, portavoce del governo di Rouhani, ha dichiarato a margine della riunione del gabinetto: “Ciò che il presidente ha detto si basava sul fatto che l’ufficio del medico legale è l’autorità preposta alla comunicazione della causa della morte e al rilascio del permesso di sepoltura”. Ha aggiunto: “L’ufficio del medico legale ha comunicato [il numero delle persone uccise] in una lettera. Ovviamente, dovevamo aspettare l’annuncio ufficiale dell’ufficio del medico legale, cosa che è accaduta, ma non è stata sufficiente. Indagini sul campo e rapporti delle agenzie operative sulle cause di morte e su come procedere sono stati eseguiti anche dalla polizia e dalle agenzie di sicurezza”. Rabeie ha aggiunto: “Dati accurati insieme a come procedere saranno presto annunciati dalle autorità competenti”.

La Resistenza iraniana ha costantemente affermato con forza che, in ogni caso, il massacro di novembre è stato un crimine contro l’umanità e che i leader e i funzionari del regime devono essere perseguiti e ritenuti responsabili da un tribunale internazionale.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana (CNRI)

31 maggio 2020

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui