Mohammad Bagher Qalibaf, uno dei principali elementi dell’oppressione e del bellicismo nel regime clericale iraniano, e figura di spicco del saccheggio e della appropriazione indebita, è stato nominato nuovo presidente del ‘parlamento’ del regime il 28 maggio.

Nel suo primo discorso il 31 maggio, Qalibaf ha esposto la natura e la tabella di marcia di un parlamento pieno di membri delle Guardie Rivoluzionarie (IRGC) e di elementi corrotti della rete di intelligence e di oppressione.

Ha fatto un’importante ammissione sulla situazione critica e disunita del regime e ha indicato alcune delle minacce contro il regime. Ha detto:

“La prima minaccia è la riduzione del capitale sociale del sistema, che è il risultato della completa inefficienza manageriale del Paese e della distanza dei funzionari dai principi della rivoluzione, cosa che crea sfide economiche e per il sostentamento e che prepara il terreno per disoccupazione e danno sociale diffuso. Un’altra minaccia è la corruzione, che è penetrata ed è diventata istituzionalizzata in varie strutture e ha portato all’aumento di discriminazione e di insoddisfazione e all’incapacità di ottenere giustizia”.

Qalibaf ha fatto queste osservazioni pur essendo una delle figure di spicco della corruzione governativa all’interno del regime. Come parte della lotta tra fazioni rivali, il sito web statale Etehad Khabar, in un articolo pubblicato il 30 maggio, lo ha identificato come un leader di furti e saccheggi nel regime dei mullah e ha scritto: “Ora Mohammad Bagher Qalibaf è capo di un potere legislativo che intende combattere la corruzione. La domanda importante è: ‘Potremmo pulire una finestra con un tovagliolo sporco?’. Può una persona accusata di corruzione essere il centro della lotta contro la corruzione? Naturalmente, tutto sarà chiarito tra qualche tempo”.

Qalibaf ha anche detto: “Il sistema amministrativo-esecutivo distrutto del Paese è un’altra minaccia che ha escluso il buon governo”.

Ha concluso: “Ciò che rende la situazione più pericolosa è il modello amministrativo del ramo esecutivo, che, con la sua inefficienza e confusione gestionale e la sua attenzione focalizzata verso l’esterno, non crede nei principi e nelle componenti del modello di gestione jihadista”.

Qalibaf ha anche dichiarato vana qualsiasi negoziazione con gli Stati Uniti. Pur continuando a perseguire il terrorismo e la belligeranza nella regione, ha descritto la guida di Ali Khamenei, il leader supremo del regime, come la migliore opportunità per il regime stesso. Mentre il vuoto potere del regime nella regione si è frantumato dopo l’eliminazione di Qassem Soleimani [capo della terroristica Forza Quds delle Guardie Rivoluzionarie], Qalibaf ha dichiarato: “I risultati del sistema sono stati ottenuti grazie agli sforzi compiuti da persone come Qassem Soleimani”. Ha continuato: “L’undicesimo Majlis [‘parlamento’] considera il forte confronto con nemici stranieri, in particolare gli Stati Uniti e il regime sionista, come uno dei suoi principi di base e non esiterà ad affrontare l’opposizione e gli ipocriti interni. L’undicesimo parlamento si è impegnato a continuare il cammino del martire Soleimani nell’aumentare il potere dell’Asse della Resistenza come una strategia immutabile. Esso considera sostenere il popolo palestinese, Hezbollah in Libano, i gruppi di resistenza, Hamas, la Jihad islamica e il popolo oppresso dello Yemen come il suo dovere rivoluzionario e nazionale. Negoziazione e compromesso con gli Stati Uniti, asse dell’arroganza globale, sono considerati inutili e dannosi”.

Il discorso di Qalibaf dipinge un quadro completo delle crisi generali del regime e dello stallo in cui è intrappolato.

Il leader supremo del regime, Khamenei, in un incontro con i paramilitari Basijis delle università, ha descritto l’istituzione di un “governo giovane e Hezbollahi” come la via d’uscita del Paese dalle crisi – e nel parlare di un governo giovane e Hezbollahi intendeva qualcuno come Qassem Soleimani, il comandante eliminato della forza terrorista Quds.

Questa situazione critica, moltiplicata dalla crisi del coronavirus, ha terrorizzato le forze del regime e le ha spinte sull’orlo della defezione. Esse sono particolarmente spaventate dall’insurrezione popolare, poiché il fuoco sotto la cenere potrebbe risorgere. A questo proposito, Khamenei, nello stesso incontro durante il quale ha parlato di un giovane governo Hezbollahi, con una franchezza senza precedenti ha messo in guardia sull’avvicinamento della gioventù iraniana all’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo dell’Iran (OMPI / MEK) proprio come nei primi anni della rivoluzione anti-monarchica e ha esortato a non aiutare il nemico a reclutare persone.

Al fine di rafforzare il morale delle sue forze, che sono deluse e senza speranza che la situazione migliori, Khamenei aveva intenzione di realizzare il suo vecchio sogno di unificare il suo regime. Ma in realtà è stato rivelato che questo Majlis, anche dopo decine di filtraggi, è un altro campo di lotte interne e che, con l’intensificarsi dei problemi tra le fazioni del regime, la crisi sarà più intensa di prima. In altre parole, anche unificare questo regime richiede una capacità e un potenziale che esso non possiede.

E – cosa più importante – Khamenei ha mostrato chiaramente la tabella di marcia strategica del suo regime, che è una politica di contrazione in tutti gli aspetti, anche nel trattare con gli Stati Uniti.

Le osservazioni di Khamenei e la previsione delle azioni future del regime, nonostante le lotte e la crisi al suo interno, hanno chiarito il piano strategico del regime per l’era successiva all’attuale presidente, Hassan Rouhani, cosa che ha un solo risultato: l’ultima speranza degli apologeti del regime e amanti della negoziazione e dell’interazione con gli Stati Uniti è andata in frantumi.

Mahmoud Hakamian

@HakamianMahmoud

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui