Dopo la sentenza della prima sezione del tribunale supremo spagnolo che aveva stabilito la illegittimità dell’esposizione e dell’uso di bandiere non rappresentative di entità ufficiali, sentenza che si applica anche al caso dei separatisti saharawi, un altra sentenza , destinata a rimettere la posizione sulla legittimità della sovranità del Marocco sulle provincie meridionali è stata emessa in merito alla richiesta presentata da una Signora che sosteneva che essendo nata nelle provincie meridionali del Marocco prima quando queste erano occupate dalla Spagna essa aveva diritto di essere considerata cittadina spagnola. La prima sezione del tribunale supremo spagnolo ha invece rigettato la domanda stabilendo che “Il Sahara non può essere considerato la Spagna ai fini della nazionalità di origine prevista dal codice civile. In altre parole, quelli nati in un territorio durante il periodo in cui era una colonia spagnola non sono nati in Spagna.” in altre parole non si può considerare territorio spagnolo i territori delle provincie meridionali marocchine ma territorio occupato. Del resto questa sentenza è conforme alla giurisprudenza del paese iberico e alla stessa legge 40/1975 sulla decolonizzazione , che già per come viene rubricata fa intendere che le provincie meridionali furono una occupazione di un territorio appratente al Regno del Marocco. Ma , la stessa legge del 1975 precisa nel preambolo che : ” Lo Stato spagnolo ha esercitato, in quanto Potenza amministrativa, pieni poteri e facoltà sul territorio non autonomo del Sahara, che per alcuni anni è stato sottoposto in alcuni aspetti della sua amministrazione a un regime peculiare con analogie con quello provinciale e che non si è mai formato parte del territorio nazionale.”. Tale posizione assunta il 4 Giugno dal tribunale supremo spagnolo, riafferma una verità storica ineluttabile e per questo che invitiamo anche le amministrazioni locali e regionali italiani che vogliono il bene delle provincie meridionali del Marocco ad interfacciarsi esclusivamente con le autorità marocchine ed in particolare offrire tutto il nostro sostegno a Sua Maestà Mohammed VI e alla dinastia marocchina

Marco Baratto
Incontri Culturali Franco Italiani

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui