Se avete prestato attenzione alla situazione in Iran negli ultimi anni, dovreste essere consapevoli di un movimento di protesta che ha provocato almeno due recenti repressioni a livello nazionale. Se avete prestato attenzione alla situazione dagli anni successivi alla rivoluzione del 1979, dovreste anche essere consapevoli del fatto che l’attuale movimento discende direttamente dai primi sforzi organizzati per rovesciare la dittatura teocratica.

Maryam Rajavi, presidente eletto dell’NCRI, ha messo in evidenza questa connessione sabato scorso in una videoconferenza online tramite Zoom, alla quale hanno partecipato singoli e gruppi provenienti da 2000 località diverse in tutto il mondo, con oltre 100.000 persone che hanno visto l’evento. Ha sottolineato le proteste a livello nazionale che “sono scoppiate in 900 località in Iran in meno di 48 ore” lo scorso novembre e ha osservato che erano “dello stesso carattere ed essenza” come la grande protesta di strada nel 1981, durante la quale circa mezzo milione di iraniani hanno marciato verso l’edificio del parlamento nazionale per esprimere il proprio sostegno alla visione democratica dell’Iran post-rivoluzionario presentata dall’Organizzazione popolare iraniana Mojahedin (PMOI-MEK).

Le proteste dello scorso anno e 39 anni fa sono simili in termini di ampiezza e forza motrice. Nonostante gli sforzi concertati del regime per distruggere il principale gruppo di opposizione, il MEK rimane ancora oggi l’avanguardia dell’attivismo democratico, costituendo il nucleo del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana.

Il supporto internazionale dell’NCRI è stato importante anche nella teleconferenza di sabato, con diversi politici occidentali che hanno espresso osservazioni che hanno esortato i loro governi a offrire supporto formale all’NCRI e al concetto di popolare opposizione interna al regime clericale dell’Iran.

Tale opposizione è esistita su larga scala nella storia post-rivoluzionaria dell’Iran. È persistita anche in momenti in cui la comunità internazionale restava generalmente in silenzio riguardo al lungo conflitto tra il regime clericale iraniano e la sua popolazione che aspirava alla democrazia . Questa era la situazione nel 1981, eppure l’opposizione ha raccolto un così vasto flusso di sostegno interno che il regime ha fatto ricorso a una brutale repressione in risposta.

Il 20 giugno è ora commemorato come il Giorno dei martiri e dei prigionieri politici, come è stato quel giorno del 1981 che centinaia di manifestanti sono stati uccisi a Teheran, segnando l’inizio di uno sforzo concertato per sradicare il MEK, i suoi affiliati e i suoi alleati. La tendenza repressiva culminò nel 1988 con un massacro in pochi mesi di prigionieri politici. Concentrandosi in particolare sul MEK, il regime uccise circa 30.000 prigionieri politici durante quel periodo, ma l’opposizione sopravvisse, si riprese e continua viva e prospera a tutt’oggi.

Nella teleconferenza di sabato, molti partecipanti hanno espresso grande fiducia nel fatto che il riconoscimento mainstream per MEK e NCRI sarebbe la stessa cosa che ha spinto al limite le attuali tendenze del regime, determinando un cambio di regime.

È fondamentale notare che, in genere, questa fiducia deriva dalla consapevolezza degli intrighi che la resistenza iraniana ha già scovato a danni di se stessa in tutta la società iraniana. La rivolta di novembre è stata una chiara prova di questi progressi, soprattutto considerando che è sorto su scala nazionale meno di due anni dopo una precedente rivolta che ha portato allo scoperto il sostegno pubblico al cambio di regime.

Entrambe le insurrezioni furono caratterizzate da slogan come “morte al dittatore”, ed entrambi hanno provocato una dura risposta da parte delle autorità nervose del clero. La rivolta di gennaio 2018 ha provocato la morte di diverse decine di manifestanti, ma il bilancio delle vittime a novembre 2019 ha raggiunto l’incredibile cifra di 1.500. Tuttavia, il contraccolpo non sembra aver scoraggiato l’attivismo pubblico. Nel gennaio di quest’anno, studenti e altri manifestanti iraniani hanno di nuovo inondato le strade di più province per condannare il tentativo di insabbiamento da parte del regime di un attacco missilistico che ha provocato lo schianto di un jet commerciale uccidendo tutte le 176 persone a bordo.

E sebbene un focolaio di coronavirus selvaggiamente incontrollato abbia mantenuto l’attivismo in qualche modo contenuto da allora, le autorità del regime si sono apertamente avvertite a vicenda della prospettiva di nuove rivolte paragonabili alla portata e all’intensità delle precedenti rivolte. Anche il leader supremo del regime Ali Khamenei ha espresso questo sentimento in un discorso del mese scorso, che ha messo in guardia i membri degli studenti della milizia Basij di stare in guardia contro ulteriori proteste studentesche e di opporsi all’inevitabile influenza del MEK e al suo messaggio di cambio di regime.

Negli ultimi 40 anni, il regime ha fatto ricorso a una repressione senza precedenti, per annientare l’opposizione. Ma sin dalla rivolta del 1981, hanno costantemente fallito nel mettere sotto controllo il movimento di opposizione. Non vi è alcuna certezza che la loro repressione attuale li avvicini al controllo a cui anelano.

Mahmoud Hakamian

@HakamianMahmoud

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui