Hong Kong – Di Stefano, sottosegretario Esteri, a 24 Mattino su Radio 24: “Non condanno legge Cina ma sua attuazione”
“Io posso condannare l’attuazione di una legge non la legge in sè. Voi avete mai visto un paese straniere condannare un legge fatta in Italia? Tu puoi deprecare l’attuazione di una legge fatta in modo tale da pressare l’opposizione, ieri a Hong Kong abbiamo avuto 300 arresti di manifestanti, questo per me è deplorevole, non la legge che è una legge come le altre.”  Così Manlio Di Stefano, sottosegretario agli Esteri del Movimento 5 Stelle intervenuto a 24 Mattino di Simone Spetia e Maria Latella su Radio 24, in merito alla  nuova legge sulla sicurezza imposta dalla Cina. “Altrimenti violeremmo uno degli articoli fondamentali della nostra posizione internazionale  – Di Stefano argomenta a Radio 24 – e cioè il principio di non ingerenza, io non commento le leggi di altri paesi, ma la loro attuazione semmai”.

Caso Regeni – Di Stefano, sottosegretario Esteri, a 24 Mattino su Radio 24: “Delusi da vertici pm. Ritiro ambasciatore non è la soluzione”

“Siamo rimasti delusi dal vertice dei pm di ieri, la Farnesina si è espressa chiaramente ieri, non abbiamo visto un reale progresso nella soluzione del problema. Devo dire che ieri sera è arrivato un chiarimento del procuratore dal Cairo che ha promesso che l’Italia avrà modo di verificare la loro disponibilità alla soluzione della questione.” Lo afferma Manlio Di Stefano, sottosegretario agli Esteri del Movimento 5 Stelle intervenuto a 24 Mattino di Simone Spetia e Maria Latella su Radio 24, il giorno dopo il vertice tra i magistrati italiani e quelli egiziani che indagano sull’omicidio di Giulio Regeni. Ai genitori del ricercatore italiano ucciso in Egitto che chiedono a gran voce il ritiro dell’ambasciatore italiano dal Cairo, Di Stefano risponde: “Non credo che il ritiro dell’ambasciatore sia la soluzione, per un semplice motivo: l’ambasciatore è il tuo rappresentante in quel paese, se lo ritiri il dialogo finisce, a noi interessa dialogare perché vogliamo conoscere la verità di Giulio Regeni, richiamarlo a Roma bloccherebbe il dialogo. Le pressioni si fanno in mille modi, non certo richiamando l’ambasciatore”.

Governo – Di Stefano, sottosegretario Esteri, a 24 Mattino su Radio 24: “Non cade sul Mes, ma ora dare risposte a dossier aperti”

“Il Governo arriverà a fine legislatura, Conte è un presidente molto amato nel paese. Se qualcuno si vorrà prendere la responsabilità di far cadere il governo farà mancare i numeri in Parlamento. Mes, Autostrade, Alitalia, sono tutte questioni politiche che vanno sciolte nella maggioranza.”. Lo dice Manlio Di Stefano, sottosegretario agli Esteri del Movimento 5 Stelle intervenuto a 24 Mattino di Simone Spetia e Maria Latella su Radio 24, a proposito delle fibrillazioni nella maggioranza di governo sui dossier caldi di questi mesi. “Sul Mes la posizione del Movimento 5 Stelle è chiara: Mes non è lo strumento giusto per l’Italia, fino a quando non si cambia il Trattato istitutivo. Il Mes ha delle condizionalità che anche se sospese per l’emergenza Covid, possono essere sempre richiamate.  – continua Di Stefano a Radio 24 – Su Autostrade nostra posizione è chiara: chi ha causato i morti del Morandi non può gestire le Autostrade. Questi casi, come Alitalia e Ilva, vanno risolti il prima possibile perché dobbiamo dare delle risposte al paese immediate”.

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui