Vandalizzata nel corso dei festeggiamenti per la Coppa Italia

“ L’aiuola centrale di piazza Vanvitelli, affidata alla ditta “Il Chioschetto”, una delle poche che, grazie all’impegno costante dell’affidataria, si salva dallo stato di degrado e d’abbandono che, negli ultimi tempi, affligge il poco verde pubblico a disposizione dei circa 120mila residenti dell’area collinare della Città,  oggetto, nel corso dei festeggiamenti del 17 giugno scorso per la vittoria del Napoli nella finale di Coppa Italia, di gravi episodi di vandalismo, che portarono alla distruzione di buona parte del prato e dei fiori che l’adornavano e alla manomissione dell’impianto d’irrigazione, con danni di notevole entità sui quali sono in corso gli accertamenti del caso, è stata completamente ripristinata “.  A dare la buona notizia è Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, che, all’indomani del grave episodio prese posizione pubblicamente con una dura condanna, chiedendo l’individuazione e la condanna degli autori degli atti vandalici,  che avevano colpito l’aiuola centrale della più importante piazza del quartiere Vomero, aiuola che, negli anni, è diventata l’emblema di un modo nuovo di gestire il verde pubblico, essendo stata la prima ad essere affidata ai privati interessati, sulla base di un protocollo d’intesa stilato all’epoca dall’amministrazione comunale.

 

” Il ripristino – puntualizza Capodanno – è stato curato dall’associazione antiracket del Vomero-Arenella “Maurizio Estate”, aderente alla FAI, federazione delle associazioni antiracket e antiusura italiane. Al fine di rilanciare un messaggio educativo, rivolto specialmente alle nuove generazioni, la restituzione dell’aiuola nella veste originaria, dopo i lavori di riattamento sia dell’impianto d’irrigazione  sia del prato e dei fiori,  avverrà domani, mercoledì, alle 11:30, con un flash mob che si svolgerà nella stessa piazza Vanvitelli, con la finalità espressa di far crescere il senso civico dei cittadini, rilanciando il messaggio che si può festeggiare senza per questo distruggere i beni ambientali e culturali che rendono più belle e vivibili le nostre strade e le nostre piazze “.

 

 

 

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui