Introduzione

Per comprendere meglio la corruzione istituzionalizzata del regime iraniano, è necessario fare riferimento alla magistratura del regime. Sebbene non sia possibile far luce su tutti gli aspetti di questa istituzione corrotta, possiamo identificare e comprendere parti di questa corruzione organizzata esaminando i rapporti e le notizie pubblicati al riguardo negli ultimi anni.

Uno di questi casi è quello di Akbar Tabari e del suo processo attuale. È stato vicepresidente esecutivo e direttore generale delle finanze della magistratura per oltre 20 anni. Pertanto, il suo processo, oltre ad essere ampiamente coperto dai media, è molto importante.

Chi è Akbar Tabari?

Tabari era il vice dell’ex capo della magistratura Sadeq Larijani. Nonostante la sua posizione di vertice all’interno della magistratura, ci sono poche notizie su di lui prima del suo arresto e processo. Come ingegnere, Tabari ha trascorso gran parte della sua carriera nella magistratura del regime senza avere alcuna competenza legale.

La magistratura è stata criticata e identificata come un centro di corruzione durante il mandato di Tabari. Tuttavia, egli è stato in grado di rimanere nell’ombra per anni. Il suo nome è stato ascoltato e letto nei quattro mesi prima del suo licenziamento nel 2018. Infine, l’intelligence delle Guardie Rivoluzionarie (IRGC) lo ha arrestato il 14 luglio 2019. Uno sguardo al suo controverso caso potrebbe chiarire e mostrare le tracce di corruzione all’interno di altre organizzazioni e istituzioni del regime dei mullah.

Secondo l’accusa Tabari, oltre a ricevere decine di miliardi di toman in tangenti dirette, ha ricevuto illegalmente un appezzamento di terreno di 300 metri quadrati in Via Karim Khan a Teheran, un terreno boschivo di 1.657 mq a Lavasan, un appartamento-ufficio di 108 mq nel quartiere Qeytarieh, a nord di Teheran, cinque terreni e una villa a Babolsar, nell’Iran settentrionale, tre unità abitative nella torre Farmaniyeh Flora e tre appartamenti residenziali nella zona elegante Kamranieh di Teheran.

La difesa di Tabari, sul suo ricevere queste enormi quantità di denaro, beni immobili e terreni, non solo chiarisce la questione, ma fa luce sulla corruzione istituzionalizzata del regime. Ha detto al giudice: “Se chiedo 800 miliardi di toman, questi fratelli me li daranno. E se voglio l’intera Lavasan e la sua fabbrica, me le daranno. Questo si chiama amicizia. Se non avete amici del genere, non sono affari miei. Se mi chiedono un simile favore, io lo farò per loro”.

Giudici corrotti

Tabari è solo un esempio della corruzione istituzionalizzata della magistratura del regime, che è stata rivelata al pubblico. Quindi, per mascherare la corruzione generale di questo corpo, che alla fine arriva al vertice del regime, si mettono in scena processi contro corrotti noti. In altre parole, questi vengono sacrificati per salvare i massimi dirigenti del regime.

Gholam-Hossein Mohseni-Eje’i, il primo vice-capo della magistratura, durante una conferenza stampa nel giugno 2019 ha dichiarato: “60 giudici sono stati licenziati negli ultimi 12 mesi. Alcuni di loro sono definitivamente licenziati dai servizi governativi e giudiziari. Ma alcuni di loro sono stati solo licenziati dalla magistratura. Oltre al licenziamento e alla squalifica, alcuni vengono processati”.

L’ex procuratore di Teheran, Said Mortazavi, è uno dei giudici definitivamente licenziati.

Mortazavi è un ex capo di un Tribunale della Stampa ed ex procuratore di Teheran che, nell’arco di molti anni, ha sequestrato più di un centinaio di pubblicazioni e incarcerato centinaia di giornalisti o addirittura critici interni del regime. Il suo nome è stato menzionato nel rapporto della Commissione d’Inchiesta del sesto Majlis [Assemblea parlamentare] del regime come autore nel caso dell’omicidio di Zahra Kazemi, un fotografo iraniano-canadese, e nel rapporto della Commissione d’Inchiesta dell’ottavo Majlis come principale colpevole del caso di tortura e omicidio di prigionieri nel centro di detenzione di Kahrizak durante le proteste in tutto l’Iran del 2009.

Oltre alle sue imputazioni relative a questioni politiche e di sicurezza, Mortazavi è stato accusato di frode finanziaria e appropriazione indebita in altri due rapporti investigativi separati. Nel rapporto della Commissione di Ricerca e Indagine del Settimo Majlis sulla magistratura del regime nel 2009, è stato accusato di “vendere domande per l’esame di ammissione”. Il rapporto dell’indagine del Nono Majlis sull’Organizzazione per la Sicurezza Sociale ha accusato Mortazavi di illeciti finanziari per miliardi di toman, incluso il trasferimento illegale di 138 società appartenenti all’Organizzazione per la Sicurezza Sociale a Babak Zanjani, un noto personaggio corrotto.

Mortazavi è stato processato per il caso della sicurezza sociale ed è stato condannato a 70 frustate per appropriazione illegale di proprietà statali. Tuttavia, l’esecuzione di questa sentenza è stata annullata nel febbraio 2019 a causa dell’amnistia emessa dal “Leader Supremo” del regime, Ali Khamenei. Nel processo per il caso di Kahrizak, Mortazavi è stato inizialmente condannato a cinque anni di carcere, alla destituzione dal servizio e una multa di 200.000 toman. La sua pena detentiva è stata poi ridotta a due anni per il suo “avere espresso rammarico”, ma egli non l’ha completata ed è stato rilasciato nel settembre 2019, dopo averne scontati i due terzi.

In un altro caso, Mahmoud Sadeqi, allora membro del Majlis, ha rivelato nel novembre 2016 che Sadeq Larijani, allora capo della magistratura, aveva depositato miliardi di toman dei fondi della magistratura sul suo conto personale. Dopo questo, Sadeqi ha parlato del conto di Larijani in molte occasioni.

Nel marzo 2017, durante la sessione del Majlis, ha dichiarato: “La magistratura ha pagato 285 miliardi di toman in più rispetto alle sue spese legali come premi e stipendi speciali e straordinari, e le violazioni finanziarie di questo potere sono state dieci volte maggiori di queste violazioni per stipendi astronomici”.

I casi di carriera e corruzione di alcuni di questi giudici corrotti, come il giudice fuggiasco Gholam-Reza Mansouri, assassinato in Romania, e il giudice della stampa corrotto Bijan Ghassem-Zadeh, sono solo una piccola parte degli illeciti finanziari delle personalità del potere giudiziario che sono stati esaminati pubblicamente in istituzioni ufficiali iraniane. Ora, mentre il regime si avvicina alla propria fine, assisteremo all’apertura di altri casi finanziari e non finanziari di giudici corrotti.

Mansouri è stato uno degli imputati più noti nel caso di Tabari. Era il capo della Sezione 9 del Tribunale per la Cultura e i Media del regime, e in seguito divenne il giudice esecutivo del distretto di Lavasanat. Durante il suo mandato, Mansouri aveva commesso molta corruzione. È stato accusato di avere accettato una tangente di 500.000 euro prima di fuggire dall’Iran in Europa. Pochi giorni prima della propria fine, in un videomessaggio, Mansouri ha affermato di “credere profondamente” nel regime, nella sua magistratura e in Khamenei, e di “non avere mai voltato loro le spalle”. Tuttavia, esprimere rammarico, a differenza che per Mortazavi, questa volta non ha funzionato e Mansouri è stato ucciso in circostanze sospette a Bucarest, in Romania.

Un altro caso di funzionari della magistratura corrotti è quello di Ali-Akbar Heydarifar. Heydarifar era il vice procuratore della Corte Rivoluzionaria ed era coinvolto direttamente nell’invio di detenuti delle proteste in Iran del 2009 nel centro di detenzione di Kahrizak. Non si è mai pentito di avere fatto uccidere molte persone lì. Due anni dopo la tragedia di Kahrizak, in una lettera alla stampa, Heydarifar ha definito quei detenuti “criminali” e ha affermato che “averli trattati così merita una ricompensa”. Tuttavia, un paio d’anni dopo gli incidenti del 2009, è diventato chiaro che, oltre che nel maltrattamento e nella brutalità nei confronti dei manifestanti, Heydarifar era implicato in vasti casi di corruzione.

Nel giugno 2017, Mohseni-Eje ha riconosciuto: “Heydarifar ha imputazioni [di corruzione]. [Una] non è stata finalizzata, ma l’altra, con alcune accuse, comporta una pena severa. […] Per il suo secondo caso è stata emessa la pena massima, che è di 15 anni di reclusione”.

Nel luglio 2017, Gholam-Hossain Esmaili, allora Giudice Principale della provincia di Teheran, ha definito i crimini di Heydarifar: “confisca illegale, uso illegale di proprietà dello Stato, accettazione di tangenti, uso di armi e combattimenti in diversi casi”. Nel febbraio 2018, Abbas Jafari-Dolat Abadi, allora Procuratore di Teheran, senza fornire ulteriori spiegazioni, ha annunciato un’altra incriminazione contro Heydarifar per altre sei accuse, che non sono state chiarite.

Mahmoud Hakamian

@HakamianMahmoud

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui