La fontana di Piazzale Loriedo a Roma, è il simbolo dell’amministrazione della città: non funziona. E’ secca, priva della materia che la rende una fontana. Non c’è acqua nella grande vasca e non ci sono gli zampilli. Non è più una fontana. Se non ci fosse mai stata, se non fosse mai esistita, sarebbe stato meglio, e invece e là a mostrare quei tristissimi tubi dai quali uscivano gli zampilli, e i faretti che l’illuminavano al calar del sole, rotti, tutti quanti, tutti rotti da vandali.  Così grande, la vasca, da occupare almeno un quarto dell’intero parco, adesso anziché abbellirlo lo imbruttisce.  Il piccolo parco senza la sua fontana non esiste. E’ trascorso più di un anno da quando la sindaca Virginia Raggi (era il 27 giugno dell’anno passato), insieme a Roberta Della Casa, venne a Colli Aniene per la grande cerimonia: restituire il parco agli abitanti della zona. Lo ha restituito così.

Carmelo Dini

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui