Discorso di Theresa Payton al Raduno Mondiale Iran Libero

Il 19 luglio ha segnato il 32° anniversario del massacro del 1988 di 30.000 prigionieri politici in Iran. La maggior parte di questi prigionieri erano membri e sostenitori dell’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo dell’Iran (OMPI/MEK). In seguito all’accettazione forzata di un cessate il fuoco con l’Iraq e temendo l’eruzione della società dilaniata dalla guerra, il regime iraniano commise questo crimine contro l’umanità per paralizzare la forza democratica del cambiamento. Infatti, il regime ha perseguitato, imprigionato e ucciso in modo spietato membri e sostenitori del MEK.

Contemporaneamente all’uccisione di dissidenti, il regime iraniano ha perseguito una campagna di demonizzazione e disinformazione contro i suoi oppositori politici, principalmente il MEK e il Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran (CNRI). Il regime utilizza la campagna di demonizzazione per:

1- Preparare il terreno per giustificare ulteriori uccisioni e terrorismo contro i membri e i sostenitori della Resistenza iraniana.

2- Discreditare la sua alternativa praticabile e descrivere questo regime come insostituibile.

3- Incoraggiare la comunità internazionale a continuare la politica di condiscendenza.

Negli ultimi anni, parallelamente all’avanzamento della cibertecnologia, il regime ha utilizzato piattaforme di social media e Internet per diffondere ulteriormente la disinformazione contro il MEK e il CNRI. Usando centinaia di account falsi, il regime cerca di minimizzare l’impatto della Resistenza iraniana sulla società iraniana. Questo è davvero il rovescio della medaglia dell’uccidere i manifestanti per le strade in pieno giorno e del chiudere Internet in tutto il Paese per giorni durante le proteste nazionali in Iran nel 2019.

Il CNRI ha recentemente tenuto il suo annuale “Raduno Mondiale Iran Libero”, online a causa della pandemia di COVID-19, collegando insieme circa 30.000 località da più di 100 Paesi. Infuriato per il vasto sostegno politico e sociale ricevuto da questo evento, il regime iraniano ha lanciato un attacco coordinato su diversi siti web affiliati alla Resistenza iraniana, tra i quali Mojahedin.org e Iranntv.com – i siti in lingua farsi rispettivamente del MEK e della rete televisiva dell’opposizione iraniana. Entrambi questi siti web stavano trasmettendo in diretta streaming il Raduno Mondiale Iran Libero. Il regime iraniano ha persino tentato di hackerare un fornitore di servizi web per reindirizzare le richieste a siti web affiliati al MEK verso altre destinazioni.

A questo proposito, il MEK ha scritto sul suo sito Web: “Nonostante gli sforzi del regime, l’evento online Iran Libero è stato ampiamente visto e discusso su Internet. Secondo un rapporto di Google, durante l’evento c’è stato un aumento del 1.000% nella ricerca sul MEK in farsi e inglese, cosa che attesta l’incapacità del regime di chiudere la voce della libertà e della democrazia in Iran”.

Centinaia di politici e rinomati esperti hanno partecipato al “Raduno Mondiale Iran Libero” del CNRI, che è durato tre giorni. Tra questi illustri ospiti c’era la signora Theresa Payton, una ben nota e molto rispettata autorità statunitense sulla sicurezza informatica.

Quello che segue è il testo completo del discorso della signora Theresa Payton al “Raduno Mondiale Iran Libero”, in cui ha approfondito le attività informatiche malevole del regime iraniano.

Salve e grazie per l’invito. Sono davvero onorata di far parte dell’agenda. Voglio usare il mio tempo per informarvi e coinvolgervi nel campo cibernetico e su quali azioni dobbiamo intraprendere per conto dei cittadini iraniani. Noi possiamo cambiare il loro futuro e il futuro del mondo e vedere presto un Iran libero.

Warren Buffet afferma che la guerra cibernetica è la più grande minaccia per l’umanità, ancor più delle armi nucleari. Ha ragione. Siamo sotto assedio, nel bel mezzo di un nuovo tipo di guerra. E in un mondo sempre più interconnesso in cui quasi tutti gli adulti hanno accesso a dispositivi efficaci nelle loro tasche, la prossima frontiera della sicurezza non è fisica, è digitale. Per quanto scoraggiante sia il pensiero di guerre, bombe e proiettili nucleari, l’hacking dei sistemi e la manipolazione delle nostre menti sono minacce altrettanto allarmanti.

Il regime iraniano è nella prima linea degli attori della guerra informatica e dobbiamo fermarlo. L’attuale regime iraniano utilizza un misto di intrusioni informatiche, campagne di manipolazione digitale e attività o minacce terroristiche come strategia chiave per mantenere il proprio status quo operativo, migliorare la propria posizione sulla scena mondiale e reprimere la sua popolazione. L’Iran ha sondato, sorvegliato e in alcuni casi attaccato con successo infrastrutture critiche di Paesi di tutto il mondo, compresi gli Stati Uniti. Il regime iraniano si nasconde anche dietro operatori informatici e profili falsi. Possono fingere di essere nostri vicini e concittadini. Sono all’interno della nostra infrastruttura digitale e dei nostri social media. E durante questa pandemia, il COVID-19, i social media sono il sostituto della piazza della città per socializzare.

Esaminiamo come sfruttano il campo informatico per mantenere il controllo. In Iran, il governo reprime l’opposizione e i media. La loro storia documentata comprende arresti, esecuzioni e filtraggio di tutte le notizie attraverso i media gestiti dallo Stato o addirittura la disattivazione dell’accesso a Internet per i propri cittadini. Sopprimono e seguono digitalmente l’opposizione e anche i giornalisti obiettivi. Il regime iraniano usa un mix di queste tattiche pesanti e di attacchi più sottili e più segreti o campagne di manipolazione sui social media per diffondere disinformazione e notizie false a una velocità e su una scala che non sarebbero mai state raggiunte prima dell’era digitale.

Come ho scritto nel mio nuovo libro, “Manipulated”, l’obiettivo dell’Iran è quello di diffondere notizie positive sul suo regime attuale, spesso manipolando la propria popolazione per garantire un supporto duraturo ai mullah, agli interessi ideologici e di politica internazionale. Gli operatori informatici che agiscono per conto del regime iraniano cercano di smorzare la capacità dei media di indagare sui loro falsi rapporti. Vogliono anche cooptare la narrativa mediatica per rafforzare la loro reputazione in patria e all’estero per sostenere i loro interessi. L’Iran utilizza da anni operazioni di influenza sui social media per screditare il movimento democratico, principalmente il MEK, ai propri cittadini. Per citare un caso emblematico, il regime iraniano ha promosso false notizie relative all’accordo nucleare iraniano cercando di convincere il mondo che il suo programma nucleare esisteva esclusivamente per un uso pacifico e che i suoi impegni militari in Paesi come Yemen, Iraq e Siria erano umanitari.

La teocrazia dell’Iran tenta di interferire con i sentimenti pubblici e politici all’interno di altri Paesi usando la sua macchina di manipolazione per alimentare narrazioni antisemite, anti-saudite, anti-americane e anti-occidentali e suscitare azioni ed emozioni negative. Reuters ha esposto nel 2018 più di 70 siti web iraniani basati a Teheran che fingevano di essere organizzazioni giornalistiche locali in altri Paesi. L’inchiesta ha scoperto che i siti erano scritti in oltre 16 lingue, tra cui inglese, arabo, spagnolo e persiano, per far sì che i lettori trovassero credibile la loro propaganda e nascondersi dietro falsi profili che sembrano notiziari, organizzazioni no profit e organizzazioni di base. L’Iran è noto per bloccare siti Web, reti di social media, censurare e tracciare la connettività mobile, minacciare giornalisti, intromettersi in piattaforme di messaggistica crittografate basate su Internet, limitare le velocità o rimuovere del tutto l’accesso a Internet.

Man mano che Internet diventa più disponibile ovunque, il regime autoritario dell’Iran si affretta a cercare modi per assicurarsi di aumentare la propria influenza sulla popolazione. Ecco perché il popolo e i manifestanti iraniani stanno diventando più creativi e tecnici nell’uso di Internet per far sentire la loro voce a livello globale. Questo è il nostro invito all’azione. Fondamentalmente, gli Stati Uniti devono fare un passo avanti per affrontare i problemi del campo cibernetico con lo stesso livello di preoccupazione appropriato per il prossimo Progetto Manhattan, sfruttando una combinazione di risorse governative, ricerche di laboratorio nazionali, competenza del settore privato e collaborazione con istituzioni educative. Non troveremo mai una soluzione per un Iran libero o per la sicurezza dal mix di oppressione dei cittadini, intrusioni informatiche e terrorismo del regime senza dedicarci a un approccio audacemente nuovo.

Offro alcuni passaggi. Primo passaggio, abbiamo bisogno di una strategia globale attraverso i Paesi e il settore privato per consentire ai cittadini iraniani di ottenere un Iran libero. Secondo passaggio, dobbiamo garantire che il popolo iraniano possa condividere in tempo reale minacce che potrebbero avere un impatto sulle sue proteste anti-regime e sulla sua aspirazione alla democrazia. Terzo passaggio, attraverso il sostegno finanziario, la consulenza di esperti, il tradizionale bombardamento dei media e sì, ora, campagne di influenza sui social media, gli Stati Uniti e altri Paesi potrebbero utilizzare una campagna di amplificazione per aggirare il regime iraniano per promuovere il cambio di regime da parte del popolo iraniano. Dobbiamo valutare rapidamente l’efficacia delle misure diplomatiche e creare una squadra di caccia alle minacce che indaghi in modo aggressivo le attività avversarie del regime iraniano, in particolare quelle che prendono di mira l’opposizione.

Quarto passaggio, agire. Non possiamo più permetterci scuse. Questa è la crisi del nostro tempo. Se una coalizione di politici internazionali, tecnologia e cittadini agirà ora, il futuro generale per il popolo iraniano e per il mondo prenderà un corso diverso e più positivo. Come scrisse George Washington da Mount Vernon nel 1799, “le operazioni offensive spesso sono il mezzo di difesa più sicuro, se non l’unico in alcuni casi”. Grazie per avermi invitata. Sono onorata di condividere queste idee e un invito all’azione con voi.

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui