….e tolgono le forze ad ogni reazione seria e legittima, sgretolando il buon senso giorno dopo giorno…

Non ricordo, alla mia veneranda età, neanche una pur minima parte di una situazione come quella che stiamo vivendo. Se fossero gli ignoranti, nel senso di ignorare, i responsabili di detta situazione, allora potrebbe esserci una qualche giustificazione, il guaio è che il disordine sociale viene creato ed alimentato da personaggi che una volta si chiamavano “colletti bianchi”.  Trattasi di gente che non sa neanche avvitare una lampadina e si erge paradossalmente a depositari della verità, della scienza e della politica, parlando non già sulla base della conoscenza ma della voglia di venir notati e letti nei vari mass-media, che, pure loro, diventano complici della idiozia solo allo scopo di scrivere qualcosa, per vendere da parte degli editori e di apparire da parte di chi scrive.

Non è una novità che quasi ogni notizia interpreti la verità in modo diametralmente opposto a seconda degli interessi di qualcuno, ma  qui, a mio avviso,  ci dovrebbe essere un minimo di dignità dialettica ad evitare devianze, anche gravi, presso la pubblica opinione.

Se uno desse retta a ciò che si legge in certi giornali e soprattutto nei social ci sarebbe da impazzire, stante non solo volgarità e discordanze a iosa, ma perché tutto ciò viene messo in atto da personaggi che la stampa ha dato loro indebitamente importanza per far notizia, quando invece essi valgono meno del due di picche. Oggi, e lo ripeto fino alla noia, le istituzioni sono piene zeppe di questi personaggi  che valgono solo in nome dell’Istituzione presso la quale lavorano. Per farmi capire meglio: chi fa le pulizie presso una università vale molto di più rispetto a chi fa le pulizie presso una casa di riposo per via del nome che riveste il datore di lavoro. Mi è capitato una volta di prendere un forte abbaglio: un tale, un giorno mi disse che non poteva aderire ad una certa cosa in quanto doveva preparare un congresso all’Università di Venezia. Sapete cosa doveva fare ? Doveva sistemare, come commesso dell’Ateneo veneziano,  tutte le sedie dell’aula magna per detto congresso…

Oggi nessuno più si rivolge alla giustizia perché essa, anziché produrre giustizia, produce disturbi mentali a chi ne fa ricorso, stante le impalcature che gli avvocati creano per lavorare, tant’ è che i tre gradi di giudizio, almeno nel novanta per cento dei casi, è diverso fra loro. E ciò, per non parlare delle guerre interne alla stessa magistratura che, oggi come oggi, è in picchiata quanto a considerazione da parte della gente.

C’è da  aggiungere qualcosa alla schifezza dell’attuale politica ?  Io penso proprio di no stante le avvilenti “ performance “ degli attuali attori che, solo ad ascoltarli, ti prende l’orticaria all’anima… fatte salve le rarissime eccezioni, come nel caso della giustizia.

Si è sempre detto a ragione che la politica è cosa sporca, ma mi par di poter dire che oggi non si fa politica, ma solo indegno spettacolo  sulla pelle degli Italiani, i quali, vogliono tutt’altro rispetto a gentaglia trita e ritrita che crea danni ovunque.

Che dire poi della scienza medica ? Anche in questo contesto, tutti mirano a parlare non già in nome e per conto della scienza, ma per scontrarsi fra loro, eccependo tesi anche qui diametralmente diverse, tanto da produrre non sanità, ma malattie persino mentali ! Caso Covid docet !

E che dire degli assembramenti senza mascherina che questa volta, oltre al contra-legem Sgarbi, investono anche i privati idioti cittadini ? Di cui a tante foto in mio possesso che sembrano “fregarsene” delle ordinanze malgrado un certo risveglio Covid in alcune aree ?  Da me segnalate ai sindaci di Feltre e Belluno che, forse, malgrado siano persone brave ed oneste, non vogliono essere in linea con il Presidente della Regione collocandosi egli su altra  posizione politica ?

Detto questo, molto sommariamente, avverto con certezza matematica, che la situazione non è più ulteriormente gestibile in questi termini, pena l’impossibilità di vivere su parametri esistenziali che, oggi come oggi,  investono  di più il contesto psichiatrico che quello fisiologicamente sano.

Si invoca spesso l’uomo forte, ma se detta invocazione risponde al nome di…Salvini per la politica, di uno Sgarbi per l’arte, e magari di un ..Palamara per la magistratura,  o di un Nobel Montagnier per la medicina, (che vive di rendita per una scoperta casuale, seppur molto importante),  ma anche un qualche giornalista,  tralasciando una fitta miriade di altri nomi noti solo perché la stampa li ha indebitamente creati, allora stiamo freschi.

Insomma, voglio dire, da democratico che ama le istituzioni da sempre, che la democrazia in Italia non risponde più alle sue funzioni, ma è diventata un vero e proprio rifugio per mariuoli. Come diceva Montanelli !  Rifugio che la gente sana ed onesta non è  più in grado di smantellare !

Arnaldo De Porti

(Belluno-Feltre)

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui