2020.08.05_LaNotizia_Stangata al patronato INCA

2020.08.06_Libero_Sindacato condannato

Nella sentenza pronunciata in questi giorni il Tribunale di Roma dà ragione al Comitato che difende i danneggiati dell’Inca e dichiara il patronato della CGIL a tutti gli effetti responsabile delle sedi all’estero. Questo in contrasto con le affermazioni dei loro dirigenti.

La sentenza fa in modo che tutti gli assistiti di patronato siano finalmente tutelati anche all’estero. Ma non solo. Fa anche in modo che lo siano gli stessi dipendenti di patronato verso la casa madre in Italia.

Purtroppo questo importante traguardo è stato raggiunto senza quel supporto che ci si aspettava da chi si professa responsabile degli italiani all’estero.

Si spera che questa situazione cambi e ci sia quella tanto attesa solidarietà e quel tanto acclamato coraggio civile di chi lo professa nelle sedi degli enti dell’ emigrazione. Dai Comites, al CGIE fino ai parlamentari eletti della circoscrizione estero.

Ora ci auguriamo che la CGIL, invece che proporre appello, si sieda ad un tavolo e si risolva questa vergognosa situazione. Ce lo aspettiamo dal patronato della CGIL che dichiara di difendere e di tutelare.

Ed è ora che anche i nostri rappresentanti lo dicano !!!!

Marco Tommasini, presidente CDF

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui