E’ stato firmato venerdì, presso la sede della FITARCO, il Protocollo d’intesa tra Federazione Italiana Tiro con l’Arco e Federazione Italiana Sport Paralimpici degli Intellettivo Relazionali

Finalmente anche l’attività arcieristica degli atleti con disabilità intellettivo relazionale verrà regolamentata. E’ stato siglato venerdì 7 agosto 2020, presso la sede della FITARCO, il protocollo d’intesa tra il Presidente della Federazione Italiana Tiro con l’Arco, Mario Scarzella, e il Presidente della Federazione Italiana Sport Paralimpici degli Intellettivo Relazionali, Marco Borzacchini. Il protocollo sottoscritto oggi alla presenza del Segretario Generale Marcello Tolu sarà valido fino al 31 dicembre 2022.

Ha espresso grande soddisfazione per questo importante passo il Presidente Scarzella: “Era da tempo che lavoravamo a questo progetto e ora abbiamo finalmente trovato il modo di inserire nel mondo arcierstico gli atleti con disabilità intellettivo relazionale, grazie al fondamentale supporto della Fisdir. Dopo aver preso ormai da molti anni la gestione diretta dell’attività paralimpica, alla Fitarco mancava questo ulteriore tassello che darà l’opportunità a tutti di far parte della famiglia del tiro con l’arco, dando anche ai nuovi arrivati la possibilità di disputare delle vere e proprie competizioni”.

Soddisfazione espressa anche dal Presidente FISDIR Marco Borzacchini, che spiega: “A differenza di 10-15 anni fa i disabili e i loro genitori che si avvicinano allo sport vogliono poterlo praticare in luoghi specializzati e, in questo caso, vogliono praticare il tiro con l’arco in una società arcieristica, senza distinzioni, nel segno dell’inclusione. Alla luce di questo sviluppo culturale, Fitarco e Fisdir hanno deciso di sottoscrivere un accordo che consente a persone con disabilità intelletivo relazionale, che già sono presenti in alcune compagnie Fitarco, di poter svolgere anche l’attività agonistica.
Con questo protocollo diamo la possibilità a tutti di poter praticare uno sport divertendosi, ma disputando anche delle gare. Le caratteristiche principali dell’accordo prevedono poi che gli atleti possano, in forma pressoché gratuita, affiliarsi e tesserarsi alla Fisdir, che ovviamente darà loro anche una copertura assicurativa completa. Verrà anche data la possibilità a partire dal prossimo anno di disputare delle gare ufficiali Fisdir col supporto della Fitarco e, un altro fattore importante, è che potranno usufruire di tecnici qualificati della Fitarco che abbiano acquisito le competenze necessarie per far praticare il tiro con l’arco a persone con disabilità intellettive”.

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui