Foto: Tehran, Shahriar, Kerman, Mazanderan e Mashad, Graffiti “Abasso Khamenei, Viva Rajavi”

Negli ultimi giorni sono stati segnalati incendi in non meno di otto siti associati al Corpo della Guardia Rivoluzionaria Islamica o alla sua milizia paramilitare, i Basij. L’Organizzazione dei Mojahedin del popolo iraniano (PMOI / MEK) ha attribuito questi avvenimenti ai giovani ribelli e ha pubblicato video di alcuni degli incendi appiccati. Gli stessi attivisti hanno anche bruciato gli striscioni pubblici che celebravano il fondatore della Repubblica islamica, Ruhollah Khomeini, e l’attuale Leader Supremo, Ali Khamenei.

Questi attacchi ai simboli dell’autorità del regime son seguiti alle attività incentrate sulla diffusione di messaggi del MEK tramite graffiti. Molti di questi messaggi erano incentrati sull’anniversario del massacro dei prigionieri politici da parte del regime, iniziato con l’istituzione delle famigerate “commissioni di morte” il 19 luglio 1988, poi proseguito attraverso diversi mesi di interrogatori e impiccagioni di massa.

Le commissioni di morte miravano principalmente a distruggere il  MEK, chiedendo che i membri noti o sospetti rinnegassero il gruppo e giurassero fedeltà alla dittatura teocratica. È stato riferito che qualcosa come il 95% delle persone ha rifiutato questo ultimatum, dichiarando con orgoglio il proprio impegno nella piattaforma democratica del MEK, pur sapendo che sarebbe potuto costar loro la vita. I mullah avrebbero dovuto intuire che un tale colpo avrebbe portato non alla fine di questo gruppo politico ma alla crescita, ma hanno comunque fatto ogni sforzo per distruggere l’organizzazione in un colpo solo

Prima della fine del 1988, oltre 30.000 prigionieri politici sono stati impiccati, la maggior parte dei quali sepolti in fosse comuni segrete. Gli omicidi sono stati decisamente indiscriminati, compresi prigionieri che avevano già scontato le loro pene detentive, così come alcuni adolescenti e donne incinte. Questi fatti erano stati a lungo riportati dal MEK e dai suoi simpatizzanti, ma sono stati resi noti a tutti in modo molto più plateale nel 2016 con l’uscita di una registrazione audio in cui un funzionario del regime, Ali Hossein Montazeri, aveva preso posizione contro la decisione dell’istituzione delle commissioni di morte per le esecuzioni collettive condannandolo come il “Peggior crimine della Repubblica islamica”.

Da allora, un velo di lungo silenzio è stato sollevato sulla storia del massacro. Ma piuttosto che riconoscere il male e fare ammenda, i partecipanti delle commissioni di morte hanno difeso attivamente le loro azioni. Alcuni, come l’ex ministro della Giustizia Mostafa Pourmohammadi, si sono addirittura spinti a dire di essere orgogliosi di aver eseguito “il comando di Dio” di morte verso il MEK.

Questo linguaggio ci riporta a quello della fatwa di Khomeini, che ha messo in moto il massacro. In vista di un malinconico cessate il fuoco nella guerra Iran-Iraq, il leader supremo del regime ha riconosciuto che il suo regime era eccezionalmente vulnerabile, e così ha cercato di cancellare tutte le fonti di dissenso organizzato. A tal fine, la sua fatwa dichiarò che gli oppositori del sistema teocratico, come il MEK, erano intrinsecamente colpevoli di aver mosso guerra contro Dio stesso. Pertanto, tutti questi individui sono stati ritenuti meritevoli di esecuzione, indipendentemente dai dettagli effettivi sulla loro condotta e attività.

Il massacro può essere riuscito a spingere gran parte del sostegno alla clandestinità del MEK, ma certamente non è riuscito a distruggere l’organizzazione. Al contrario, da allora il MEK è cresciuto in popolarità e forza organizzativa. Ora è a capo della coalizione, il Consiglio nazionale della resistenza iraniana, che attira fino a 100.000 espatriati iraniani a una manifestazione annuale a sostegno del cambio di regime.

Tali azioni sulla scena internazionale sono solo un supplemento all’attivismo interno delle unità di resistenza del MEK, che sono state celebrate in modo prominente nell’ultima versione della manifestazione internazionale, una videoconferenza di ampio respiro intitolata Free Iran Global Summit. I partecipanti a quel vertice, tra cui centinaia di dignitari americani ed europei, hanno compiuto sforzi per attirare una più ampia attenzione internazionale sull’escalation del conflitto tra il regime iraniano e il suo popolo e per evidenziare le implicazioni per gli approcci occidentali nel trattare con quel regime.

Per gran parte degli ultimi 40 anni, i responsabili politici sono stati soggetti ad una vera e propria campagna di demonizzazione dalla propaganda iraniana. Gran parte di questa propaganda è stata dedicata a ritrarre la Resistenza Iraniana come un movimento con poco o nessun sostegno all’interno del paese. Ma questa narrativa è chiaramente minata dalla lunga storia delle attività delle unità di resistenza. Le ultime attività delle unità di resistenza del MEK sono indicative del fatto che questa storia è ancora in corso e che i sostenitori del MEK ora sembrano più fiduciosi che mai nella loro capacità di affrontare direttamente il regime clericale e trionfare.

Parte di questa fiducia deriva dal crescente sostegno di cui gode la Resistenza in tutto il mondo. Il Vertice mondiale sull’Iran libero ha portato ancora una volta alla luce questo sostegno. Ma il più grande segno di una vittoria imminente per il MEK arriva sotto forma di due rivolte a livello nazionale che hanno scosso il regime fino al midollo e hanno spinto le principali autorità a riconoscere, per la prima volta dal 1988, che esiste ancora un’alternativa praticabile e influente a l’establishment teocratico.

La prima di quelle rivolte è iniziata nel gennaio 2018, il leader supremo del regime Khamenei ha pronunciato un discorso in cui ha attribuito la sua rapida diffusione e il messaggio antigovernativo a mesi di pianificazione da parte del MEK. Al MEK è stato dato credito per proteste ancora più diffuse nel novembre 2019, e la paura del rovesciamento del regime ha spinto quella che potrebbe essere stata la più grande repressione del dissenso in tre decenni. In pochi giorni, le forze di sicurezza e l’IRGC hanno sparato a morte a circa 1.500 manifestanti pacifici. Migliaia di altri sono stati arrestati e molti rimangono a rischio di esecuzione.

Questo non fa che aumentare il significato delle ultime dimostrazioni di sfida delle unità della resistenza. Di fronte a una violenza politica così sfrenata, anche la pittura di graffiti assume l’aspetto di un atto rivoluzionario. Bruciando le basi repressive del regime e le immagini dei suoi leader, il MEK sta ora chiarendo che la comunità degli attivisti è resiliente quanto lo era nel 1988.

Se all’epoca la comunità internazionale avesse prestato la dovuta attenzione agli omicidi e si fosse adoperata per chiedere al regime di renderne conto, non si può dire quanto più inefficace sarebbe stata la sua repressione del dissenso. Ora, il mondo ha un’altra possibilità di affrontare le violazioni dei diritti umani di Teheran e dare un vantaggio alla Resistenza nella sua lotta per un futuro democratico in Iran. Non sprechiamolo chiudendo un occhio su questa lotta ancora una volta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui