Advertisement

 

 

Advertisement

“Rappresentatività e governabilità a rischio con la riforma che prevede la riduzione del numero dei parlamentari in nome di una volgare bandierina del Movimento 5 Stelle. Perfino all’interno dei grillini ci sono posizioni discordanti perché a un anno dalla sua formulazione in Parlamento che prevedeva una riforma costituzionale da agganciare al taglio degli eletti e nella traduzione giallorossa della proposta l’abbinamento di una nuova legge elettorale nessuna di queste due vie hanno trovato la loro strada a Montecitorio. È così oggi ci troviamo a chiedere ai cittadini un taglio della loro rappresentatività senza poter garantire che questo provvedimento abbia una sua efficacia perché nella sostanza il miglioramento in termini di efficienza è tutto da dimostrare e quanto al risparmio parliamo di cifre non importanti”. Lo dichiara Gianfranco Librandi di Italia Viva.

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteReferendum, Chiucchi (Movimento per le Marche): “Taglio sarebbe ferita per la nostra democrazia”
Articolo successivoECONOMIA, LAVORO \ CASTELLI, “STRUMENTO ORGANICO DI SOSTEGNO ALL’OCCUPAZIONE. ACCOMPAGNARE LAVORATORI E IMPRESE IN QUESTO PROCESSO DI CAMBIAMENTO”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui