Advertisement

Mi sono occupato poco di scuola  scrive Fidanzi, anche se la ritengo di primaria importanza, sicuramente la base di ogni altro ragionamento sociale. La sua pregnanza collettiva, la sua potenza comunicativa e formativa, la sua ingerenza nella determinazione della visione del mondo e del senso comune, esigono la massima attenzione da parte dei legislatori . Il suo ruolo pedagogico fondamentale da sempre come pilastro di sostegno alle carenze dell’ azione educativa   ed affettiva svolte dalla FAMIGLIA. Maggiormente preso da problemi sanitari ho affrontato forse troppo superficialmente i “problemi  della scuola. “Ora che le cose, più di prima, s’ intrecciano prepotentemente  a causa del Covid 19,pur non entrando nel merito di specifiche  tematiche didattiche  pedagogiche e formative credo sia utile affrontare il  problema del ” ritorno a scuola, almeno per quanto riguarda i  minori e soprattutto i bambini.

Ecco prosegue Fidanzi,  penso che occorra proporre direttive uniche in tutto il paese, lasciando alle singole Regioni lo spazio necessario a promuovere iniziative  utili a colmare carenze territoriali contingenti legate per esempio ai trasporti e alle strutture di accoglienza.

Advertisement

Penso che sia determinante il distanziamento, sia sui mezzi di trasporto che nelle aule. Per questo occorrono più aule con meno studenti, e occorrono più insegnanti assunti fin da ora, anche se in ritardo, per supportare le esigenze di tutti, compresi coloro che sono affetti da disabilità. Certamente conclude Paolo Fidanzi, i più colpiti dagli inevitabili addattamenti comportamentali dovuti al rischio Covid, penso ai bambini autistici per esempio obbligati a tenere in classe la mascherina.

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

Advertisement
Articolo precedenteCAROLINA SANDRETTO | POSTCARDS FROM ITALY | PROROGATA fino al 30 settembre 2020, Plaza Project Art Room, Hotel Plaza e de Russie, Viareggio
Articolo successivoReferendum, Librandi (Iv): “Voterò no, serve una riforma organica non spot”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui