Il regime iraniano è famoso in tutto il mondo per il suo terrorismo internazionale. Anche la sua storia di repressione interna è ben nota, anche se con molti meno dettagli rispetto alla sua storia di attacchi ai beni arabi e occidentali. Nel frattempo, sembra che non ci sia quasi nessuna attenzione alla strategia parallela del regime iraniano di seminare disinformazione sulla sua situazione interna al fine di influenzare le decisioni politiche tra gli avversari stranieri.

Tuttavia, alcuni legislatori occidentali ed esperti di politica estera si sono sforzati di correggere questa svista. Molti di loro sono apparsi in una videoconferenza organizzata a luglio dal Consiglio nazionale della resistenza iraniana (NCRI). Sebbene non strettamente incentrato sulla strategia di disinformazione del regime, quell’evento ha fatto di tutto per contrastare le narrazioni ufficiali del regime riguardo ai gruppi di opposizione interni che compongono la coalizione dell’NCRI, in particolare l’Organizzazione dei Mojahedin del popolo iraniano (PMOI-MEK). I sostenitori hanno approvato l’opinione che questo gruppo rappresenti una minaccia significativa alla presa del potere da parte del regime, e hanno anche cercato di spiegare perché i loro governi non abbiano ancora fatto lo stesso.
Tra questi oratori c’era l’ambasciatore statunitense ed ex sottosegretario di Stato Lincoln Bloomfield. Le sue osservazioni si sono concentrate in gran parte sui risultati di un’indagine che ha svolto egli stesso, sul MEK l’anno prima che fosse finalmente liberato dalla sua falsa inclusione nell’elenco dei gruppi terroristici del Dipartimento di Stato. Bloomfield ha osservato che le sue scoperte alla fine lo hanno portato ad essere co-autore di un libro sulla storia del MEK, con l’intenzione di correggere molte falsità che si erano diffuse in tutto il mondo, le cui radici affondano nella propaganda di stato iraniana.
“Incredibilmente”, ha detto all’evento NCRI, “sette anni dopo che questo libro uscí – nel 2020 – i media occidentali e i rapporti dei think tank continuano a ripetere le accuse che sono state completamente smentite, ufficialmente, dalle azioni giudiziarie in Francia, nell’Unione europea, nel Regno Unito e negli pStati Uniti. ” Bloomfield e altri hanno poi spiegato che questa persistente disinformazione è generalmente il risultato degli sforzi in corso da parte del Ministero iraniano dell’intelligence e della sicurezza per infiltrarsi nei media occidentali con le sue posizioni , spesso portate avanti da finti esperti indipendenti o anche ex membri del MEK che in realtà lavorano come agenti del ministero e del governo.

Se c’è qualche dubbio su questo, si sappia che Teheran è del tutto trasparente sui suoi sforzi per infiltrarsi nella comunità del MEK all’estero utilizzando agenti che si atteggiano ad aspiranti membri o parenti di membri esistenti. Il ministero dell’Intelligence gestisce persino un’istituzione chiamata “Società Nejat”, con l’obiettivo apparente di aiutare i membri della famiglia a riunirsi con gli attivisti del MEK che attualmente vivono nel complesso in Albania noto come Ashraf-3.

Nell’aprile di quest’anno, questa società, ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che “i rappresentanti della Società Nejat sono diventati ampiamente attivi in 27 province del paese” per raccogliere firme chiedendo al governo albanese di rilasciare visti per le persone che desiderano visitare Ashraf 3. Ma l’affermazione che questi visti sarebbero stati rilasciati per le famiglie dei membri del MEK è smentita dal fatto che in passato, il semplice fatto di avere una famiglia nel MEK è stato motivo di dure punizioni da parte della magistratura iraniana. In realtà, visitare quella famiglia si è rivelata una condanna a morte in più occasioni.
Nel 2006, un uomo di 59 anni di nome Ali Saremi è stato condannato a un anno di prigione per aver visitato suo figlio a Camp Ashraf, la comunità nell’Iraq orientale che aveva ospitato molti degli attuali residenti di Ashraf 3 fino a quando non sono stati trasferiti a seguito di numerosi attacchi di agenti iraniani. Qualche tempo dopo il rilascio di Saremi nel maggio 2007, le autorità hanno stabilito che la sua punizione era stata inadeguata e che la visita a suo figlio significava molto probabilmente il suo sostegno al MEK. Per questo fu accusato di esibire “inimicizia contro Dio” e fu condannato a morte. Quella sentenza è stata eseguita bruscamente nel dicembre 2010.

Ali Saremi (a destra) in visita a suo figlio Akbar Saremi (a sinistra) a Camp Ashraf, Iraq

Amnesty International ha risposto all’incidente rilasciando una dichiarazione di azione urgente riguardo ad altri sette visitatori di Camp Ashraf che erano ancora in prigione a rischio di un’esecuzione simile. La dichiarazione ha richiamato l’attenzione sull’iniquità dei loro processi, sui maltrattamenti , torture e sulla mancanza di accesso alle cure mediche durante la prigione. Tuttavia ottenne poca attenzione da parte delle potenze occidentali e il mese successivo due dei sette uomini – Jaraf Kazemi e Mohammad Ali Haj-Aqai – furono altresì impiccati.

Jaraf Kazemi (a destra) e Mohammad Ali Haj-Aqai (a sinistra) in visite separate a Camp Ashraf, Iraq

Sarebbe stato un incredibile capovolgimento di prospettiva per il regime iraniano se fosse passato dall’esecuzione dei parenti dei membri del MEK al tentativo attivo di riunirli attraverso la “Società Nejat”. È chiaramente ovvio che questa istituzione fa parte di uno sforzo continuo per infiltrarsi in Ashraf 3, con il duplice scopo di tramare attacchi agli oppositori del regime e dare credito alla propaganda che viene sempre diffusa su scala globale sull’opposizione.
Il primo obiettivo finora è fallito. Ma la minaccia è stata sottolineata nel 2018 quando il governo albanese ha espulso due diplomatici iraniani dopo aver stabilito che erano stati coinvolti nella pianificazione di attacchi terroristici ad Ashraf 3. Ma l’obiettivo della disinformazione ha avuto un po ‘più di successo. In più occasioni, i media occidentali hanno citato un “ex membro” del MEK in storie diffamatorie sulle condizioni di Ashraf 3, anche dopo che è stato dimostrato che il membro in questione non aveva semplicemente lasciato il gruppo ma era stato scacciato con il sospetto di legami con l’intelligence iraniana.
Questi problemi sono stati esposti una volta nel 2019 e di nuovo all’inizio di quest’anno in due distinti casi giudiziari tedeschi. La prima trattava di una storia su Ashraf 3 e il MEK che era stata pubblicata sulla rivista Der Spiegel, l’altra con una storia simile sul quotidiano Frankfurther Algemeiner. Entrambi i casi si sono conclusi con sentenze a favore della coalizione madre del MEK e con l’ordine di rimuovere alcune affermazioni e di non riproporle nelle pubblicazioni.
Eppure, al momento di queste sentenze, il danno era già stato fatto. Senza dubbio le false informazioni in entrambi gli articoli stanno ancora circolando da qualche parte in altri media, se non altro nella propaganda statale iraniana, dove i riferimenti a legittimi organi di informazione stranieri possono dare una patina di plausibilità alle narrazioni create dal ministero dell’intelligence iraniano.
Questo a sua volta da adito a certe testate giornalistiche e altri media che sono inclini all’influenza delle reti di propaganda iraniane a disseminare fake news. E da lì, contribuiscono a ciò che l’ex senatore statunitense Robert Torricelli ha definito nella videoconferenza di luglio “un’ombra di società di pubbliche relazioni, agenti e società che stanno diffondendo false informazioni”.
Questo ciclo persistente di disinformazione probabilmente fa ancora più danni della repressione interna iraniana e del terrorismo straniero, perché convince la comunità internazionale che non esiste un’alternativa praticabile e rispettabile al regime clericale iraniano, e quindi non c’è modo di vedere quel regime rovesciato in altro modo che intraprendendo una nuova via. Questa è apparentemente l’unica ragione per cui le principali potenze mondiali non sono state spinte a sostenere la Resistenza iraniana sulla scia di due recenti rivolte nazionali che hanno sfidato il regime in modi senza precedenti. In questo modo, la mancanza di consapevolezza sulla campagna di disinformazione di Teheran porta il mondo a chiudere un occhio sulla migliore opportunità per stabilire la democrazia nel cuore del Medio Oriente

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui