Hikmat Hajiyev, Assistente del Presidente della Repubblica dell’Azerbaigian, e il Ministero degli Affari Esteri dell’Azerbaigian, sono intervenuti su un tema di grande importanza e preoccupazione.

Hikmat Hajiyev ha sottolineato come l’Armenia, che occupa da quasi tre decenni la regione azerbaigiana del Nagorno Karabakh e i sette distretti adiacenti “sta conducendo una politica di insediamento illegale nei territori occupati dell’Azerbaigian e recentemente ha lanciato una politica di reinsediamento lì degli armeni dal Libano”.

Hajiyev ha aggiunto che sono presenti online notizie su una famiglia del Libano reinsediata nella città azerbaigiana di Shusha – “destinazione di massimo significato storico e morale per l’Azerbaigian”.

“Mentre gli altri paesi del mondo, compreso l’Azerbaigian, stanno affrontando la questione dell’eliminazione delle conseguenze della tragedia che ha colpito il Libano e offrendo assistenza umanitaria, l’Armenia sta sfruttando questa tragedia e le difficoltà delle persone, per perseguire il suo sordido programma. In tal modo, l’Armenia ha dimostrato ancora una volta di non riconoscere valori morali ”, ha sottolineato Hajiyev.

“La popolazione reinsediata nei nostri territori occupati è diventata vittima della politica spericolata e avventurista dell’Armenia. La politica di insediamento illegale nei territori occupati dell’Azerbaigian non ha validità e l’Azerbaigian rifiuta categoricamente il suo esito “, ha sottolineato l’assistente del presidente.

Hajiyev ha affermato anche che l’Armenia sta usando come mercenari le persone del Libano e della Siria reinsediate nei territori occupati.

“L’Armenia mira ad alterare la situazione demografica nei territori occupati dell’Azerbaigian perseguendo la politica degli insediamenti illegali. La stessa politica è una flagrante violazione del diritto internazionale umanitario, inclusa la Convenzione di Ginevra del 1949. Secondo la Quarta Convenzione di Ginevra relativa alla protezione delle persone civili in tempo di guerra, la potenza occupante non può trasferire la sua popolazione civile nel territorio che occupa “, ha detto l’assistente.

“Secondo il diritto internazionale, il perseguimento di una politica di insediamento illegale da parte della potenza occupante nei territori occupati, dovrebbe essere classificato come un crimine militare. A questo proposito, la politica degli insediamenti illegali dell’Armenia nei territori occupati dell’Azerbaigian è un crimine militare ”, ha osservato Hajiyev.

“Ironia della sorte, tali azioni sono considerate un crimine dalla stessa legislazione dell’Armenia. Nell’articolo 390 del codice penale armeno, la deportazione della popolazione locale da parte della potenza occupante e il trasferimento della sua popolazione nei territori occupati è una grave violazione del diritto internazionale umanitario, punibile con 8-12 anni di reclusione “, ha detto l’assistente del presidente.

Hajiyev ha sottolineato che l’atto di aggressione dell’Armenia perpetrato in direzione del distretto di Tovuz in Azerbaigian, lungo il confine di stato tra i due paesi questo luglio e un tentativo di effettuare un’operazione di sovversione attraverso la linea di contatto, rivela che l’Armenia si sta preparando per l’ennesima provocazione.

“Inoltre, negli ultimi giorni, l’Armenia ha ricominciato a dichiarare esplicitamente, attraverso il suo regime fantoccio in Karabakh, la sua intenzione di occupare altre aree dell’Azerbaigian e ha minacciato di lanciare un attacco missilistico sulla città di Ganja ”, ha affermato l’assistente.

“La retorica infiammatoria del Primo Ministro e Ministro della Difesa dell’Armenia e le loro azioni e altri passi di tale natura, confermano ancora una volta che l’obiettivo della leadership armena è di interrompere completamente il processo di negoziazione e assicurare l’annessione dei territori occupati dell’Azerbaigian”, ha aggiunto Hajiyev.

“L’Armenia deve ritirare le sue truppe dai territori occupati dell’Azerbaigian per ottenere progressi nella risoluzione del conflitto Armenia-Azerbaigian. Il conflitto deve essere risolto solo ed esclusivamente in linea con l’integrità territoriale, la sovranità e l’inviolabilità dell’Azerbaigian e dei suoi confini internazionalmente riconosciuti “, ha sottolineato Hajiyev.

Anche il Ministero degli Affari Esteri dell’Azerbaigian ha manifestato una forte protesta ai copresidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE, riguardo al reinsediamento degli armeni dal Libano verso la regione azerbaigiana del Nagorno-Karabakh.

Come Hikmat Hajiyev, anche il Ministero ha fatto riferimento a video presenti in internet.

“Dopo l’esplosione a Beirut, l’Armenia, utilizzando la tragedia in questo paese per i propri scopi nefasti, ha iniziato ad attuare piani per il reinsediamento degli armeni libanesi nel Nagorno-Karabakh e nelle aree circostanti, territori riconosciuti a livello internazionale dell’Azerbaigian e attualmente sotto occupazione militare dall’Armenia. Questo l’attività illegale è una grave violazione delle norme e dei principi del diritto internazionale da parte dell’Armenia, inclusa la Convenzione di Ginevra del 1949 e dei suoi protocolli aggiuntivi, nonché gli obblighi assunti dalla stessa Armenia “, ha osservato il MAE.

“Lo scopo dell’Armenia, che persegue una politica di insediamento illegale, è chiaro. In questo modo, sta cercando di rafforzare i risultati della pulizia etnica nei territori occupati, lo status quo basato sull’occupazione ”, ha detto il ministero.

“L’Armenia, che sta cercando di aumentare artificialmente il numero di armeni nelle terre occupate dell’Azerbaigian, reinsediando illegalmente gli armeni etnici che non hanno nulla a che fare con la regione, ha impedito il ritorno degli sfollati interni azerbaigiani espulsi con forza dal Nagorno- Karabakh e le aree circostanti e i cui diritti umani sono stati violati, alle loro case e proprietà da quasi 30 anni ”, ha sottolineato il Ministero degli Esteri.

La leadership armena, che cerca di intensificare le tensioni nella regione e lo ha recentemente dimostrato apertamente con le sue azioni e dichiarazioni provocatorie, sta minando la soluzione negoziata del conflitto con la sua politica di annessione.

Il MAE ha fatto appello alla comunità internazionale perché prenda provvedimenti concreti per identificare la responsabilità del governo dell’Armenia dell’occupazione dei territori azerbaigiani e delle attività illegali ivi condotte.

giornale

Informazione equidistante ed imparziale, che offre voce a tutte le fonti di informazione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui