L’imperatore filosofo Marco Aurelio riteneva che la perfezione del carattere consistesse nel vivere ogni giorno come se fosse l’ultimo, senza frenesie, senza apatia, senza pretese. Difficile tale perfezione anche a voler seguire Eraclito che consigliava passo dopo passo, giorno dopo giorno un impegno paziente e prolungato per pervenire a un buon carattere che nella vita moltissimo vale.             Inoltre, indubbiamente, le note negative dell’essere umano –lo rilevava anche Cicerone- si accentuano invecchiando, pur se non accade sempre così, anzi, come per i vini, possono proprio nel tempo attenuarsi.                                                                                                                             Il Covid 19, che con la sua persistente presenza continua a tenere il globo in ansia, non fa il ‘distinguo’ tra continenti e popoli, ricchi e poveri, ruoli e classi sociali (ora sembra neppure tra vecchi e giovani), in tutti può entrare, compiere la sua opera devastatrice, quasi a dimostrazione di quanto poco valgano i “sapientes” che tanto s’innalzano. Ne hanno fatto esperienza tanti personaggi noti, di lustro in ogni campo, e taluni ci sono stati dal Covid sottratti.

Alcune settimane fa è entrato di soppiatto nel Cav. Silvio Berlusconi che Carlo De Benedetti non ha dimenticato di definire ancora una volta “imbroglione” nel mentre formulava gli auguri di guarigione. E tanti, anche quelli distanti dal suo pensiero e molto critici sul suo operato politico e da imprenditore, gli hanno augurato, con dose di sincerità maggiore o minore, variabile sino allo zero, di superare il drammatico momento.

Ma qui non è il caso di fare riferimento alle molteplici attività del Cavaliere, a come sia stata gestita la loro conduzione, né tanto meno è il caso di parlare della sua vita privata: troppo è stato nei decenni detto, soprattutto a condanna anche da parte di quanti non erano esenti da comportamenti certamente non ‘verginali’.

D’altra parte da lunghissimo tempo i politici (è costume che vige perlopiù ovunque sul pianeta) non pensano alle prossime generazioni ma alle prossime elezioni, senza dire che il potere si è fatto superiore alle leggi e chi vuole mettere davvero in atto la giustizia, come disse Paolo Borsellino, “è cadavere che cammina”.

Ora il Cav. si è liberato del Covid ch’egli stesso ha definito portatore di “una malattia molto difficile”. Aveva preso ”la carica virale da record”, è stata quindi  “fortuna”, come ha detto il Prof. Alberto Zangrillo della Clinica “San Raffaele” di Milano, il medico che anche in altri momenti molto difficili gli è stato vicino, non averla subita a marzo quando la ricerca su come debellarla era ancora agli inizi.

Merito dunque degli approdi della scienza medica che lasciano ben sperare per tutti coloro che malauguratamente dovessero incorrere nel virus Covid 19.

Ma in ogni cosa, anche nella malattia, molto conta il soggetto, la sua disposizione, vale a dire le qualità e le attitudini psicologiche che costituiscono la personalità di un determinato individuo. Il Cav. è dotato di quella positività che lo porta a collaborare psichicamente per superare ogni cosa, e ciò gli dà poi una forza via via maggiore proprio in virtù di quanto ha superato. Ed il suo cuore giammai s’indurisce, i suoi tocchi non feriscono, dal momento che l’autocontrollo diviene essenza del carattere.

Sembra, il Cav., vicino al pensiero dello scrittore e saggista francese Pascal Bruckner, con quella capacità di vivere la vita terrena, che nel nostro tempo si è allungata tanto da essere dal Bruckner definita “breve eternità”, sino all’ultimo in godimento, non pensando ai decenni che gravano. Pensiamo che il Cav. abbia anche la risorsa della fede cristiana con cui la vita viene ad essere proiettata in un altrove meraviglioso, almeno per quanti hanno seguito giustizia e amore, ma non rinuncia a vivere bene la “breve eternità”.

Sarà pure viveur o “bugiardo”, come lo definiva Indro Montanelli, ma non lo crediamo malvagio, ed è tanto in un mondo dove Caino impera.

Antonietta Benagiano

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui